Utente 915XXX
Ho avuto dei dolori al testicolo sx e mi sono recato dal mio medico condotto che dopo un palpazione mi ha diagnosticato una probabile idatide di morgagni perchè sentivo un nodulino sul polo superiore del testicolo che al tatto mi dava fastidio e un leggero dolore nei giorni succesivi. Abbiamo deciso di effettuare una ecografia ai testicoli e questo è l'esito: didimi ed epididimi regolari, testicoli insede di dimensioni ed ecostruttura nei limiti, senza evidenza di formazioni nodulari. Presente idatide di morgagni a sx delle dimensioni di circa 2mm. Non idrocele.

Voglio porvi una serie di quesiti:
- a distanza di giorni il dolore va via via attenuandosi e provo indolinzimento e fastidio solo se vado a palpare o se assumo delle posizioni particolari, e probabile che sia infiammato e debbo assumere qualche farmaco.

- viste le dimesioni dell'idatide devo operare al più presto o posso programmare l'intervento? Mi consiglita di fare una visita da uno specialista?

- Posso avere dei rapporti sessuali, e se durante l'erezione provoco dolore o fastidio?

Grazie del vs prezioso consulto, auguro a tutti buone feste e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'datide di Morgagni è un incostante residuo embrionario (dotto di Muller per la precisione) che si trova impiantato sul polo superiore del testicolo, spesso con un peduncolo più o meno lungo.
Il problema è proprio questo: a causa del peduncolo, l'idatide può torcersi. La torsione dell'idatide, di certo meno frequente di quella testicolare, viene spesso, per i sintomi che provoca, scambiata per una epididimite, una orchite o addirittura una appendicite.
Ovviamente la rimozione di una idatide di Morgagni prevede un semplice (ma non banale) intervento chirurgico. Certamente lo consiglio di fronte a sintomatologia come quella che Lei riferisce, anche in considerazione degli equivoci diagnostici cui fatalmente potrebbe incorrere.
Non direi che nel Suo caso si tratti di un intervento da condurre urgentemente: tutto dipende da quanto Lei è disposto a sopportare i disturbi che descrive.
Può condurre una vita sessuale del tutto normale.
Per qualsiasi ulteriore chiarimento ed informazione, nell’ovvio rispetto della Sua riservatezza e dell’Etica professionale, può senz’altro contattarmi all’indirizzo di posta elettronica del sito Medicitalia.
Affettuosi auguri per la pronta risoluzione del Suo problema e un buon nuovo anno.
Cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#2] dopo  
Utente 915XXX

Iscritto dal 2005
Caro dottore ,mi sono dimenticato di chiederle che io pratico il calcio e se posso avere problemi.
In questi giorni il dolore va e viene, talvota non è vero e proprio dolore , ma più che altro un fastidio, un senso di pesantezza è normale. Alla palpazioni del testicolo posso scorrere sulla parte superiore del testicolo sx l'epididimo ovvero sento un tubicino tutto aggrovigliato. Nell'ultimo periodo mi da fastidio anche durante l'erezione però dopo l'eiaculazione il fastidio scompare e per alcuni giorni non sento alcun fastidio, può essere un sintomo dell'idatide. Di tutto ciò ne ho parlato al mio medico e lui semplicemente non mi ha dato nessun farmaco e nessun antinfiammatorio, ma mi ha detto semplicemente se avvertivo un dolore forte da non resistere di correre al pronto soccorso.
[#3] dopo  
Utente 915XXX

Iscritto dal 2005
Ah un ultima cosa sempre nella palpazione dell'epididimo mi da molto fastidio e qualche volta anche un po mi duole.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
a questo punto è indispensabile, davvero, una visita Specialistica. Se il Suo medico di famiglia non riesce a risolvere questo problema, o non decide l'intervento di uno Specialista, si muova Lei autonomamente. Mi dispiace dover scrivere queste cose.
Affettuosi auguri per tutto e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO