Utente 317XXX
Salve, vi ho già scritto diverse volte riguardo al trauma da coito che ho subito nel febbraio 2013,che mi ha provocato la rottura del legamento sospensorio e la parte sinistra di quello fundiforme.Il pene ora non ha più sostegno alla base e il suo asse è spostato a sx e anche il testicolo sx ora scende molto più del dx come se non avesse più sostegno.So che non c'è grande casistica su queste problematiche di fatti il mio andrologo non mi è stato di grande aiuto nell'indirizzarmi nella risoluzione del problema,ammesso che ce ne sia una,cosa potete dirmi a riguardo? Esiste chirurgia per questo problema? Spero possiate aiutarmi perché la cosa è abbastanza invalidante,grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

vedo che ha già ben compreso tutte le problematicità che la sua situazione clinica, così particolare e non frequente, può determinare e anche le soluzioni terapeutiche non solo codificate e indicarle, come sicure, può essere difficile; comunque risenta ora il suo andrologo e con lui rivalutate se è il caso di ricostruire chirurgicamente il legamento sospensore del pene.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Concordo con il Dott. Beretta: laddove indicato è possibile eseguire una ricostruzione chirurgica del legamento sospensore del pene.
[#3] dopo  
Utente 317XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per avermi risposto,volevo farvi una ulteriore domanda: dove è e dove non è indicato questo intervento e quali sono i rischi eventuali. Ancora grazie
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
é indicato soprattutto se c'è significativo disagio durante l'attività sessuale, determinato dalla nuova situazione. Non è indicato se il l disagio è minimo e sopportabile. Rischi: si opera in zona dove passano i nervi che trasportano la sensibilità del pene.