Utente 338XXX
Gentili Dottori,
In data 3/11/2014 sono stata coinvolta in un sinistro stradale in seguito ho riportato una "frattura del soma L2" come da referto. Al pronto soccorso il neurochirurgo dopo aver visionato tac e lastre mi ha prescritto 45 giorni di riposo assoluto "nella speranza di scongiurare l'intervento se la vertebra fosse scesa".
Al 36 giorno ho contattato un ortopedico che dopo aver osservato gli esami specifici mi ha detto di poter cominciare ad alzarmi con il busto a tre punti C 35, di riprendere con cautela le più semplici attività quotidiane e di fare piccolo tragitti per casa. Ho iniziato ad alzarmi senza riscontrare notevoli dolori. Dopo 45 giorni ho effettuato una seconda tac con referto " si conferma frattura del soma L2 che interessa le limitante somatiche anteriore, superiore e laterale sinistra con deformazione a cuneo del soma. Ridotta la fisiologica lordosi lombare e tendenza all inversione del tratto craniale e fulcro in L2". L'ortopedico ha confermato le sue idee prescrivendomi 30 gg con busto e 30 gg di svezzamento dal busto mentre il neurochirurgo ha riscontrato all'incirca 4 gradi in più di cuneizzazione rispetto ai 16 gradi iniziali dell' incidente e per questo motivo secondo lui è necessario inserire una placca che vada dalla D 12 alla L3 oppure praticare altri 45 giorni di immobilizzazione per poi procedere con una terza tac. Il neurochirurgo è sembrato comunque convinto della tendenza della vertebra a cuneizzarsi nel tempo.
Cosa devo pensare? Questi 4 gradi che inizialmente il neurochirurgo non aveva visto potrebbero essere un errore di misurazione? Sotto Natale posso alzarmi e mettermi a tavola oppure devo rimanere a letto?
Ringrazio anticipatamente e buone feste.
[#1] dopo  
Dr. Roberto Leo
32% attività
12% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente
difficile e' rispondere ad una domanda come la sua senza visionare direttamente la situazione come invece hanno potuto fare i 2 colleghi che lei ci ha menzionato.
Le posso pero' dire che e' naturale la tendenza di una vertebra.fratturata a cuneizzarsi leggermante anche a fronte di una seria immobilizzazione come quella da lei seguita.
4 gradi m sembra un incremento modesto della cuneizzazione
Cio' detto prima di fare un intervento aspetterei.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dottore,
La ringrazio per la celere risposta e colgo l'occasione per augurarLe un felice e sereno Anno Nuovo.