Utente 713XXX
Gentili dottori,
oggi, dopo l'ennesima visita, mi hanno diagnosticato una dermatite atopica. Mi hanno prescritto una crema al cortisone (Fucicort)per 15gg e una pasta all'amido (Dermamid).
Mi è stato detto che questo tipo di dermatite è cronica e ci dovrò convivere e che è inutile fare altri accertamenti. Ho letto anche gli altri vostri consulti sul tema e ho capito che oltre a rasseggnarmi devo trovare un dermatologo che diventi "di fiducia" per seguire il decorso.
Quello che vorrei sapere è se devo acquisire qualche abitudine particolare visto che ancora non mi pare di essere ad un livello grave e che in effetti ho una pelle generalmente secca.
Va bene una normale idratazione con le creme e gli oli comunenmente in commercio o devo rivolgermi ad erboristerie e farmacie per prodotti specifici?
Inoltre siccome spesso una delle sedi di questi eczemi è sotto le ascelle devo depilarmi o no?
Insomma, vorrei che mi suggeriste qualche buona abitudine da prendere e qualcuna cattiva da evitare.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente l'idratazione cutanea nell'atopico deve essere non normale ma più che abbondante(uso anche di detergenti oleosi per il bagno).Astenersi da tutto ciò che contiene profumazioni,prediligere indumenti in cotone il meno colorati possibile,un buon effetto è dimostrato ottenersi con l'elioterapia(ovvero l'esposizione,sempre con cautela al sole).Utilizzare il meno possibile prodotti per uso topico contenenti erbe.Dieta ricca in acidi grassi insaturi come l'omega 3 ,omega 6,ac.oleico e linoleico.Il tutto sempre sotto l'attenta supervisione del dermatologo di fiducia.
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Guardi gentile utente,

la dermatite atopica non può lasciare spazio a fraintendimenti: in accordo con i consigli del dott. benini, mi preme sottolineare l'importanza del reperimento di ogni reperto terapeutico ivi compreso lo stile di vita da adottare assieme al suo dermatologo di fiducia che potrà vedere e valutare la suia situazione.


cari saluti
[#3] dopo  
Utente 713XXX

Iscritto dal 2008
Gentili dottori,
vi ringrazio delle risposte e colgo l'occasione per aggiornarvi e chiedervi nuovamente delucidazioni.
Come avevo detto, sono stata da un dermatologo (non ho seguito la terapia con Fucicort in modo da permettere a questo dottore di osservare direttamente gli eczemi).
Piuttosto sbrigativamente, dopo aver sentito che sono risultata allergica al nichel alle prove effettuate due anni fa, mi ha detto di evitare nei periodi acuti gli alimenti conteneti nichel - di cui mi ha fornito un elenco - e mi ha prescritto la seguente terapia:
-KESTINE LIO 1 al dì e DIPROFORM CREMA due volte al dì entrambi per 15gg;
-IMMUGEN compresse 1 al dì per due mesi nel periodo ottobre/novembre (da ripetere ogni anno);
-TRIDERM bagno e DERMOFLAN FLUIDO per l'igiene e l'idratazione quotidiana.
So di parlare di un vostro collega, ma purtroppo non ha instillato in me la giusta fiducia. Mi è sembrato un po' superficiale, non mi ha dato spiegazioni se non su mia specifica richiesta e di particolare attenzione all'idratazione non mi ha parlato (gli ho chiesto io). Ho avuto la sensazione che la trattasse più come un'allergia.
Vorrei solo capire da voi se, indipendentemente dall'impressione che può essere sbagliata, ritenete che la terapia sia adatta al problema della dermatite atopica riscontratami.
Nuovamente grazie.

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Direi che la terapia è più che adeguata alla cura della dermatite atopica,purtroppo talvolta capita di porsi di fronte ad un paziente in una maniera che può risultare antipatica senza rendersene conto.
Cari saluti
[#5] dopo  
Utente 713XXX

Iscritto dal 2008
Concordo perfettamente, proprio per questo non mi sono voluta fermare alla prima impressione e ho chiesto anche un vostro parere. Purtroppo ultimamente non ho avuto molta fortuna con i medici a cui mi sono rivolta (non solo dermatologi e non solo del servizio pubblico, tanto per sfatare un mito)perciò forse sono diventata più diffidente di prima.
In ogni caso seguirò la terapia sperando che la mia patologia non peggiori negli anni.
Vi sono riconoscente per l'aiuto.