Utente 368XXX
A mia suocera che ha 63 anni è stato diagnosticato un adenocarcinoma infiltrante all'utero.Vorrei dei pareri su questo referto Tac. La carcinosi peritoneale è solo un sospetto,oppure è certo che ci sia? La Pet vede solo una massa tumorale nell'utero e un linfonodo ingrossato..

TC torace-addome completo senza e con m.d.c.
Esame acquisito con tecnica volumetrica multistrato prima e dopo la somministrazione e.v. di MDC organo-iodato non ionico.
In ambito toracico, piccoli focali e sporadici ispessimenti della pleura parietale a destra, non tipizzabili per le esigue dimensioni, in verosimili esiti, tuttavia da rivalutare nel follow up.
Esiti fibrotici bi-apicali. Non versamento pleurico.
Granulia linfonodale, con asse corto inferiore al centimetro, in sede ilo-mediastinica.
In ambito addominale non evidenti alterazioni tomodensitometriche con caratteristiche di focalità a carico degli organi parenchimatosi sottodiaframmatici.
Lieve dilatazione delle vie biliari intra-ed extra epatiche, con coledoco di circa 9 mm, in esiti di colecistectomia.
Non dilatate le vie escretrici in reni normo-funzionanti.
Granulia linfonodale addomino-pelvica ed otturatoria dx di max circa 13mm al tronco celiaco.
Lesione eteroformativa, disomogeneamente vascolarizzata dopo MDC, a carico dell’istmo-collo dell’utero, già nota in anamnesi, con distensione fluida del fondo viscerale e con diffusa disomogeneità, con tralci iperdensi e micronodularità( di max 7mm) nel cellulare lasso dello scavo pelvico, come da carcinosi peritoneale; Concomita piccola quota fluida nel Douglas.
Concomita disomogeneità anche del cellulare lasso perineale.
Vescica modicamente distesa, senza evidenti lesioni parietali aggettanti endoluminali.
Piccola immagine osteoaddensante a carico dell’ileo di sinistra, di massimo 12mm da riferire verosimilmente ad isola di compatta.

Attendo pareri e vi ringrazio anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Davide Cavaliere
24% attività
4% attualità
8% socialità
FORLI' (FC)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2013
La carcinosi peritoneale è una condizione riscontrabile alla TAC mediante dei segni di sospetto da parte di un radiologo esperto nell'analisi delle immagini di significato oncologico addominale e pelvico. La presenza di liquido libero (ascite) spesso l'accompagna e nelle forme disseminate e diffuse si rilevano anche ispessimento del grasso mesenterico con aspetto striato e sovvertimento del grasso omentale (omental cake). La descrizione è comunque suggestiva per carcinosi (purtroppo il mio parere è fornito però solo su quanto riportato e non sull'esame diretto delle immagini). La carcinosi è solo raramente individuabile con la PET e più spesso sotto forma di un diffuso accumulo del radiofarmaco ma non è un esame dirimente. La laparoscopia è invece l'esame attualmente più affidabile nella diagnosi e stadiazione peritoneale delle neoplasie; anche se mininvasivo, si tratta pur sempre di un intervento chirurgico a tutti gli effetti, in anestesia generale e va quindi riservato ai casi in cui la presenza o assenza di carcinosi modifica la strategia terapeutica.