Utente 368XXX
Salve,
sono un ragazzo di 20 anni. Ho praticato a livello agonistico calcio per circa 10 anni. 3 anni fa ho smesso e ora sono completamente fermo. Premetto che 3 anni fa ho avuto episodi di attacchi di panico e da quel momento sono diventato abbastanza ansioso e attento ai segnali del mio corpo. 3 anni fa ho fatto ecg, ecg sotto sforzo, ecocardiogramma e holter 24ore, eeg-ecg. L'unica cosa che mi “hanno riscontrato” è stato un “soffietto sistolico mesocardico con caratteristiche di funzionalità” e un “minimo rigurgito mito-tricuspidale privo di rilievo” e nell'holter bradicardia di notte. da 3 anni a questa parte è possibile che sia cambiato qualcosa a livello anatomico nel cuore? poco tempo fa ho fatto un ecg sotto sforzo risultato pulito anche se sono durato poco perché quando supero una certa frequenza cardiaca mi agito (infatti sono arrivato a 190 battiti senza alcun motivo). premetto che ho un po' di reflusso gastroesofageo che ovviamente sarà dato dall'ansia e un di di problemi ai muscoli cervicali e del collo ma questo sarà perché faccio da un po' uno vita sedentaria.

Il fatto che io senta continue extrasistoli soprattutto quando gonfio la pancia respirando con il diaframma o quando mi metto in alcune posizioni; oppure che di mattina appena sveglio il cuore va molto ma molto lento e abbia la sensazione che si fermi da un momento all'altro, anche questo è dato dall'ansia? sotto sforzo ho la sensazione che i battiti siano irregolari e che mi scoppi il cuore. Durante l'inspirazione i battiti aumentano e mentre durante l'espirazione diminuiscono. sono tutte cose fisiologiche?

Chiedo scusa per il testo lungo ma vi chiedo di rispondere a tutti i miei quesiti. grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Sono tute cose fisiologiche condite con un bel po ansia.
Arrivederci