Utente 346XXX
Salve Dottori e buona vigilia di capodanno.
Ho 25 e sono una ragazza. Peso forma. Nutrizione regolare e con nullo contenuto di fritti e grassi.
A parte la mia componente ansiosa, ho fatto una visita cardiologica nel mese di gennaio 2014: ecg normale. pressione normalissima (sia quel giorno che dopo -stamattina era 120-60). solo tachicardia sinusale per il mio stato ansiogeno.
Da un po' mi capita di avvertire extrasistole, soprattutto da quando le temperature sono scese anche da me -di solito non fa così freddo.
La domanda che vorrei porvi è: C'è una correlazione tra episodi di extrasistole e basse temperature?
E un ultima cosa: Una visita cardiologica ogni quanto deve essere eseguita?

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
C'è una correlazione tra basse temperature e tachicardia; può essere che lei avvetta come extrasistoli semplicemente un aumento della frequenza cardiaca magari con marcata aritmia respiratoria (fisiologica).
E' anche possibile che lei semplicemente avverta le extrasistoli (che sono fenomeni normali) perché è ansiosa e quindi ha una soglia di percezione delle aritmie bassa.

Una visita cardiologica periodica, in una persona sana e senza particolari sintomi o problemi, non è assolutamente necesaria.

Le consiglio invece di dedicarsi a un' attività fisica regolare, di tipo aerobico (come la corsa, la bicicletta, il nuoto) e/o allo yoga per risolvere i suoi problemi di ansia.