Utente 256XXX
Buongiorno,
Scrivo per avere un consulto circa un problema si salute di mio padre. Premetto che è in remissione comlleta da leucemia mieloide acuta da più di 3 anni (è stata trattata con altissimo dosaggi di chemioterapia e non prende alcun farmaco). Da qualche tempo lamenta un dolore alla zona lobare sinistra e che scende per tutta la gamba causato dal nervo sciatico infiammato, per il quale ha fatto delle punture di voltaren che hanno alleviato un po' il dolore, ma che ora ha interrotto dato che da circa 5 gg lamenta un formicolio sul fianco sinistro e ha un sfogo che parte dalla zona lombare sinistra e sta via via estendendosi al fianco dove appunto non ha molta sensibilità. Le macchie per ora saranno una decina.. ho fatto delle ricerche in rete, è poi andato al suo medico curante che all'inizio sospettava fosse una reazone allergica a qualcosa (a cosa non si sa!!!), ma poi ha detto che potrebbe avere il fuoco di sant'antonio e gli ha subito prescritto
Aciclovir dorom 800mg 3compresse (1 ogni 4ore)
Neuraben 2 compresse due volte al dì
crema da mettere sulle macchie Gentamicina Teva
Lui però ha solo questo formicolio e lo sfogo cutaneo (x ora senza pus etc) ma non sente bruciare o frebbre o che.. Secondo voi potrebbe essere il fuoco di sant'antonio? In quanto tempo andrà a posto? Può uscire normalmente o è meglio che stia in casa? Ha bisogno di riposo? Scusatemi ma ho molta paura che abbia altro o che sia un campanello di allarme per un ipotetico "risveglio" della lma..
Grazie mille in anticipo!!!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Consiglio gentile utente, per l'esclusione di un herpes sine erpete, la visita dermatologica che potrà sicuramente dare dei ragguagli utili alla diagnosi che accompagna questa fenomenologia dolorosa ed escludere od ipotizzare altre componenti internistiche che possono associarsi alla medesima sintomatologia che la descrive.
Cari saluti.