Utente 368XXX
Gentile Dottore,
sono una ragazza di 23 anni e le scrivo in merito ad un problema che si è riscontrato circa un mese fa.
Avevo notato un rigonfiamento (non visibile, solo al tatto) all'inguine di color rossastro e mi sono presentata dal medico, il quale, indeciso su cosa potesse essere (se una ciste o un linfonodo), mi ha prescritto un'ecografia e una pomata (Hirudoid 40000 U.I.) da applicare due volte al giorno.Dall'ecografia risulta quanto segue: a destra due linfonodi contigui di 2,40 cm x 0,5 con versamento periferico e a sinistra un linfonodo di 1,5 cm dall'aspetto reattivo.
Torno dal medico, il quale mi prescrive esami del sangue e delle urine, antibiotico e antiinfiammatori. Dagli esami del sangue gli unici valori "sballati" sono:

MCV 79,2
RDW-SD 35,6
VES 21
S-FERRO 25
S-COLESTEROLO HDL 62
S-TITOLO ANTI-O-STREPTOLISINICO 264

Gli esami delle urine erano perfetti.

Ho finito di prendere antibiotico e antiinfiammatori, torno dal medico per un controllo e il linfonodo era quasi scomparso ed aveva assunto un colore marroncino. Il dottore ha detto di continuare a mettere la pomata una volta al giorno e mi ha prescritto un ecodoppler per una sospetta flebite.
Oggi ho notato che il linfonodo si è un po' rigonfiato e presenta dolore al tatto e sono un po' preoccupata.
Secondo lei cosa potrebbe essere?
La ringrazio in anticipo per la risposta e per la disponibilità e le porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
comprenderà la difficoltà di fornire a distanza valutazioni che superino quelle di chi la segue dal vivo.
Andrebbe innanzitutto sottoposta ad un esame clinico generale, compresa la valutazione delle altre strutture linfatiche accessibili (milza, ascella, collo, ecc.).
I linfonodi della regione inguinocrurale in particolare sono soliti reagire ai processi infiammatori a carico degli arti inferiori, dei genitali esterni e del perineo, nonche delle regioni glutee inferiori e della parete addominale.
Altre possibilità andrebbero considerate sulla base dei rilievi clinici e di un eventuale ulteriore controllo ecografico.
[#2] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottore,
Innanzitutto la ringrazio per la risposta.
Secondo lei potrebbe essere realmente flebite? Considerando che da qualche giorno avverto anche delle fitte alla stessa gamba del linfonodo ingrossato.
Posso stare tranquilla prima dell'appuntamento per l'ecodopplet o mi consiglia di presentarmi nuovamente dal medico curante?
La ringrazio nuovamente e le porgo cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Al di là del linfonodo vi dovrebbero manifestazioni visibili a carico dell'arto.