Utente 368XXX
Gentilissimi dott, a mia cugina hanno diagnosticato quento segue. Le hanno consigliato di operarsi urgentemente con intervento chirurgico tradizionale. Lei vorrebbe effettuare l'intervento in endoscopia. Ma secondo il cardilogo che la segue non c'è alcun centro specializzato che possa operla nel modo da lei desiderato a causa dell'eccessiva dimensione del foro presente. E' molto amareggiata e abbattuta. Che mi consigliate. Segue esito della ecografia. Grazie.
ECOCARDIOGRAFIA M/2D E 3D COLOR DOPPLER TT E TE
Paziente femmina 56 aa
QUESITO CLINICO : VALUTAZIONE PER SOSPETTO DIA
APR VSCULOPATIA LIVEDROIDE
ALLA MIA OSSERVAZIONE PAZ OBESA IN BUONE CONDIZIONI GENERALI, EUPNOICA A RIPOSO, NO DOLORE TORACICO PA 150/80 mmHg FC 55/m
VENTRICOLO SX : IPERTROFIA DELLE PARETI CON NORMALI DIMENSIONI, FUNZIONE E CINETICA DISTRETTUALE (FEVS STIMATA 60%, WMSI 1),
SETTO PARADOSSO (APPIATTIMENTO SISTOLICO) ATRIO SINX: INGRANDITO (VOLUME 47ml/m2)
DIFETTO DEL SETTO INTERATRIALE TIPO OS (MORFOLOGIA A LOSANGA E DIMENSIONI 1.5-2 cm x 1-1.5 etti) SHUNT SIN-DX SISTO- DIASTOLICO ; AL BUBBLE-TEST SHUNT PARADOSSO (TELESISTOLE) MITRALE: LIEVE SCLEROSI DEI LEMB, PICCOLO RIGURGITO AORTA: VALVOLA TRICUSPIDEr CUSPIDI ISPESSITE, INSUFFICIENZA LIEVE-MODERATA;
ARTERIA NORMALE PER DIMENSIONI E DECORSO (SIN DOVE ESPLORABILE) SEZIONI DESTRE: INGRANDITE, PAPs STIMATA 50 mmHg PERICARDIO: NEI LIMITI
COMMENTO: DIA TIPO OSTIUM SECUNDUM .SOVRACCARICO DELLE SEZIONI DESTRE. IPERTENSIONE POLMONARE MODERATA.SHUNT PARADOSSO INTERATRIALE
Note: Bubble-test somministrazione ev di 9 cc di fisiologica miscelata con 1 cc di aria. Introduzione della sonda agevole e senza complicanze (previa sedazione con diazepam 10 mg ev e successiva somministrazione di flumazenil 0.5 mg al tonnine procedura). Esame non esaustivo per giudizio terapeutico che necessita comunque di valutazione clinica

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
E' possibile trattare questo tipo di problemi con approccio mininvasivo, senza l'apertura delle sterno, con una piccola incisione sotto la mammella destra.
Non tutti i difetti interatriali sono purtroppo risolvibili per via percutanea. In ogni caso si tratta di interventi rapidi e con un rischio operatorio molto molto basso.
L'indicazione sulla base dei dati riportati dall'ecocardiogramma sembrerebbe molto precisa.

In bocca al lupo.

GI
[#2] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la risposta celere. Le domande che si pongono, utilizzando questo tipo di intervento sono: è comunque necessaria la circolazione extracorporea? - l'accesso al setto interiatriale avviene attraverso la parete cardiaca? il decorso post-operatorio è paragonabile a quello successivo all'intervento per via percutanea?. Verrei chiederLe, inoltre, se fosse così gentile da suggerrirmi dei link relativi a filmati o testi di tale tipo di intervengo. L'ansia e il timore che colpiscono mia cugina sono tali che è tentata ad non effettuare alcun tipo di intervento. Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
La circolazione extracorporea è irrinunciabile e l'accesso al difetto è tramite l'atrio destro. Il decorso postoperatorio, più lungo del trattamento percutaneo, richiede 4/5 giorni in cardiochirurgia e circa 2 settimane in riabilitazione.

Non le consiglierei di guardare filmati relativi all'intervento o leggere informazioni specifiche destinate agli "addetti ai lavori", non riceverebbe indicazioni aggiuntive utili e aumenterebbero solo il livello di ansia.

In cardiochirurgia si effettuano giornalmente trattamenti chirurgici anche molto più complessi, si fidi dei curanti e si sottoponga al trattamento.

GI


[#4] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la sua cortesia.