Utente 264XXX
Gentili medici.
sono un uomo di 46 anni e svolgo una attività sessuale regolare, senza mai avere avuto problemi di allergia al lattice e senza trascurare la mia igiene intima di volta in volta.
Qualche ora più tardi ho avuto un rapporto sessuale con la mia ragazza che è durato circa un'ora: durante il protrarsi del rapporto ho accusato dei lievi fastidi accompagnati da prurito.
A rapporto concluso, mi sono un po' preoccupato alla vista di una eruzione cutanea importante, che vedeva la presenza di "puntini" rossi sparsi su tutto il glande (che appariva anche raggrinzito) e rossore (i sintomi si acuivano sulla zona dell'orifizio uretrale).
Nel giro di tre/quattro giorni la situazione è ritornata quasi alla normalità: "puntini" rossi e arrossamento generale scomparsi dal momento in cui mi sono astenuto da qualunque tipo di rapporto.
L'unica cosa che mi lascia perplesso, è che a distanza di due settimane mi accorgo della seguente situazione sul glande: innanzi tutto da quando è successo "l'incidente" ho come la sensazione che il glande non sia più in pieno vigore, ma presenti delle "increspature" su tutta la pelle che lo compone, come se avessi delle "rughe" sul glande e delle minuscole, quasi impercettibili microlesioni (nessuna traccia di sangue). L'effetto "carta crespa" a pene eretto non è rilevabile, tuttavia riesco a visualizzare "l'increspatura" del glande dopo la conclusione di un rapporto, e più in generale quando la pressione sanguigna esercitata è a un livello intermedio (quindi quando il pene passa dallo stato eretto allo stato flaccido senza diventarlo del tutto).
Inoltre, cosa notevole, ogni volta che intrattengo rapporti di qualunque natura di almeno 20 minuti, inizio ad avvertire prurito e successivamente il glande si irrita (presenza di rossore soprattutto vicino all'orifizio). Ad esempio l'altro giorno la mia ragazza mi ha praticato sesso orale (senza preservativo) e trascorsi circa 20 minuti ho avvertito verso la fine della prestazione prurito e fastidio. Dopo altri 15 minuti, a rapporto concluso, mi sono accorto che il glande si stava arrossando. Questo mi suggerisce che a prescindere dal fatto che abbia rapporti col preservativo o meno, gli arrossamenti insorgono a causa dell'attrito.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
difficli capire quasnto accaduto senza vedere in diretta. Difficile allergia al latice, più facile quella a lubrificanti. Oppure presenza di infiammazione in cui il profilattico ha avuto ruolo scatenante ma non causale. Meglio farsi vedere da collega.