Utente 173XXX
Salve,
so che l'area più appropriata è l'ortopedia,ma so anche che un eventuale neurite è trattata da chirurghi e vengo al dunque.
Da ormai 3 anni, a seguito di una frattura astragalica, sento una scossa durante la propulsione del piede destro. Il successivo dolore, simile a un crampo si accompagna ormai sempre più spesso a uno scatto dell'"anulare?"del piede...La zona interessata è ,mi pare di capire da immagini della morfologia del piede alla fine dei metatarsi e inizio falangi, da quello che vedo all'altezza dei legamenti trasversi.
Posto che una certa instabilità credo residui, in quanto l'appoggio del piede dx è diverso da quello sinistro, qualcosa penso ci sia in quanto traggo sollievo dal togliere la calzatura e , comprimendo il piede da sotto con la mano avverto un clac (non sonoro)...è come se liberassi un nervo un legamento, non so, e ritronasse a posto...A questa manovra segue un intenso bruciore che si risolve in pochi secondi, ma è sempre presente una notevole diminuzione della sensibilità del polpastrello del dito interessato....A breve avrò una rx sotto carico (perchè il mio medico mi dice che la Rm puo' prescriverla solo dopo i raggi): io considerati i sintomi inizio a sospettare possa esservi una sovrapposizione tra un qualche problema tendineo o legamentoso e l'interessamento di qualche nervo: per cui vi chiedo se nella pratica chirurgica sia dato riscontrare in presenza di neurite di Morton anche altri tipi di affezioni alla zona interessata, grazie...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, dai sintomi che riporta sembra trattarsi di un neuroma di Morton.
La conferma diagnostica di tale patologia è solo ed esclusivamente clinica , gli esami Rx ed eventuale RM del piede servono solo ad evidenziare la presenza o meno di altre patologie osteo-articolari e tendineo-legamentose che possono essere sovrapposti ed in certi casi essere anche la causa della compressione cronica del nervo intermetatarsale del piede.
Pertanto le consiglio indispensabilmente , proprio per competenza nosologica, una visita ortopedica per la definizione e terapia del suo caso.
Distinti saluti