Utente 288XXX
egregio dottore
mia madre di 80 anni portatrice di pacemaker prende pradaxa da 110 due volte al giorno,la domanda è se prendendo questo farmaco non sarebbe bene verificare periodicamente la fluidità del sangue ,e nel caso fosse eccessiva perchè non ridurre la dose ricavandone meno effetti collaterali che sono davvero tanti ,come depressione, malessere,instabilità
la ringrazio e la saluto cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
il Pradaxa appartiene ad una nuova classe di anticoagulanti orali e non necessita di valutazioni sulla "fluidità" del sangue (es. l'INR che era indispensabile per il Coumadin, per intenderci). Gli effetti collaterali che lei riporta molto probabilmente non sono secondari all'assunzione del Pradaxa, che resta probabilmente un farmaco di vitale importanza per sua madre.
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realtà non esistono esami comuni da eseguire per valutare l efficacia del farmaco.
Ecco perché a me non piacciono molto, anche se molto comodi.
Inoltre tali farmaci non hanno alcun antidoto in caso di sovradosaggio o di emorragie a Rischio di vita.
Ecco perché ancora oggi preferisco prescrivere il Coumadin od il Sintrom.
Arrvederci