Utente 334XXX
Buonasera vorrei esporre una mia preoccupazione in merito a delle frequenze che riscontro, ho provato a misurare le frequenze in un giorno e ho rilevato ciò:una frequenza che si aggira sui 80-90 bm, spesso si aggira sui 90, dopo i pasti raggiunge i 100-105 bm, e mi basta una piccola emozione per raggiungere i 130 bm, in particolar modo al mattino dopo colazione raggiunge un picco più alto di 105-110bm .
esami eseguiti :ecocardio ed ecg basale risultato nella norma ,
hotel ecg che rilevava una frequenza media di 87 bm
esami tiroidei ed emocromo uscito nella norma. Non fumo e non bevo, cosa ne pensate della mia frequenza. .risulta eccessivamente alta?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
Considerando i suoi esami, completamente normali, non deve preoccuparsi della frequenza cardiaca che nel suo caso si colloca ai limiti superiori della norma. non esiste un valore assoluto normale ma esiste un range di valori di normalità' . Accanto a persone bradicardie, che hanno il cuore che batte piano ci sono persone tachicardiche come nel suo caso. E' un espressione sempre di normalità' . Per cui non se ne preoccupi. Cerchi di fare attività' fisica che aiuterà' il cuore a raggiungere frequenze più basse e non faccia diventare la questione un problema perché altrimenti se inizia con manifestazioni ansiose legate a questo problema inesistente la frequenza non si abbasserà' mai ma al contrario tendera' ad alzarsi
saluti
[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Grazie mille per la risposta. .ma vorrei chiederla:un cuore leggermente tachicardico rispetto a un cuore bradicardico ha più probabilità di avere incidenti cardiovascolari? Avere i battiti bassi può essere un vantaggio rispetto a chi ha i battiti più alti? Grazie ancora.
[#3] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
non esistono differenze