Utente 791XXX
Salve piu o meno tre mesi fa dopo che mia mamma accusavo un po' di affanno quando camminava il nostro medico curante ha prescritto una lastra al torace subito l'esito e' stato scioccante da li e' partito tutto l'iter di esami tac con liquido di contrasto,broncoscopia,mediastinoscopia(spero si scriva cosi)purtroppo non ho tutte gli esiti nelle mie mani li ha mia mamma scintigrafia ossea e anche tac alla testa.l'esito della mediastinoscopia dice in sostanza putroppo come dicevo non riesco a trascrivere l'esito dei referti quindi cerco di dirvi le cose che piu mi sono rimaste impresse il referto parla di microcitoma a piccole cellule molto grosso quasi 8 cm avvolto alla vena cava non so se dire per fortuna perche qui c'e ne veramente poca ma tutti gli altri esami sono perfetti e anche la tac alla testa e scintigrafia allo scheletro sono negative.
so che la situazioen e' molto grave sono giorni che navigo in internet e ho solo letto notizie drammatiche,forse appunto l'unica fortuna e' che mia mamma e' una "roccia" e' come la chiamo io non si perde mai d'animo e alle volte e' lei che tira su il morale a me.
Ora la mia domanda e' questa so che non ci sono speranze per la mia mamma tra l'altro e' ancora giovane 65 anni ma mi chiedo come e' possibile che fino ad ora questo cancro non abbia dato nessun segnale 8 cm sono tantissimi e come mai cosi grosso non ha ancora dato nessuna metastasi (c'e da sperare che si riesca a tenerlo sotto controllo?)ho letto che e' inoperabile ma davvero non c'e nessuna possibilita' di intervento? Ora mia mammma sta facendo la chemio e' al primo ciclo e poi si aggiungera la radio e come ultimo un ciclo di radio alla testa come prevenzione alle metastasi che potrebbero in futuro arrivare al cevello.Sara una reazione a tutto questo ma io non ho mai visto mia mamma cosi energica e vitale ma sopratutto cosi ottimista.Io ora vivo nel terrore che da un momento all'altro la sua malattia degeneri.Se fosse possibile avere da voi dei consigli e delle delucidazioni sulla sua malattia ve ne sarei veramte grata.
Mi scuso per la mia lunga mail ma sto cercando di capire cosa mi aspetta ma sopratutto come aiutare mia mamma in tutto questo
Vi ringrazio in anticipo per qualsiasi vostro consiglio
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Cara Amica,

il microcitoma polmonare è una malattia assai insidiosa. Per le sue caratteristiche biologiche e la precoce attitudine a metastatizzare (attenzione! sto parlando in alcuni casi di metastasi visibili in altri di microfoci metastatici non visibili con le moderne metodiche di imaging) non è operabile già in principio. La terapia gold standard è l'abbinamento di cisplatino ed etoposide + radioterapia di consolidamento e prevenzione su mediastino ed encefalo. Inizialmente questo tumore risponde assai bene alle terapie con anche delle remissioni complete. Poi però tende a recidivare... Sarebbe opportuno dosare nel plasma la cromogranina A. Tale marcatore è indice di presenza (eventuale) di componente neuroendocrina nella neoplasia. Ciò aprirebbe la strada a terapia aggiuntiva con octreotide.

Spero di essere stato sufficientemente esauriente e resto a disposizione per ulteriori eventuali domande.

Cari saluti

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
[#2] dopo  
Utente 791XXX

Iscritto dal 2008
Caro dott pastore la ringrazioe per la sua tempestivita nella risposta
sapevo gia che non e' una situazione facile anzi tutt'altro e la ringrazio ancora per le sue spiegazioni.
Vorrei solo poter sperare cosa che ora mi manca sono sempre stata una persona positiva ma ora non so piu nemmeno come affrontare la situazione.
Se per lei non e' di disturbo vorrei poterla tenere informato dell'evoluzione della malattia di mia mamma e eventualmente chiederle consigli in merito.
La ringrazio e la saluto con affetto
[#3] dopo  
Utente 791XXX

Iscritto dal 2008
Eccomi di nuovo qui,non so se e' normale ma piu passano i giorni piu mi vengono nuovi dubbi,nuove paure.
Ho passato il fine settimana pensando se ho fatto tutto il possibile per aiutare mia mamma,e nel frattempo mi e' sorta una domanda che ora vi vorrei porre anche se e' solo una curiosita e non risolve la situazione.
5 anni fa lei e' stata sottoposta ad un intervento al seno x fortuna non invasiso gli e'stato tolto il tumore di piccole dimensioni senza lo svuotamento dell'ascella e senza l'asportazione di nessun linfonodo intervento seguito da radio e poi con pastiglie per 5 anni,ci hanno gia assicurato che il tumore al polmone e' primario e non ha niente a che fare con il seno, quello che mi chiedo perche in 5 anni di controlli nessuno si e' mai accorto di questo nuovo tumore ripeto 8 cm mi sembrano tanti per restare nascosti per cosi tanto tempo,la mia paura oltre che la rabbia e' che mia mamma non sia stata seguita a dovere e con superficialita'.
Ora mi chiedo se in futuro (so che e' cosa assai improbabile) non comparissero metastasi e sempre con le dovute terapie c'e la possibilita' per mia madre di avere un pronostico di vita un po' piu lungo e tranquillo?