Utente 343XXX
Consulto reumatologia

Salve, mia figlia di poco più di 2 anni, da qualche giorno, non tutti i giorni, mi riferisce di avere dolore al polso, a volte al destro, altre al sinistro. Un solo giorno mi ha detto di aver dolore alle ginocchia e un paio di volte alla mano. Però lei lo dice solo una volta nell'arco della giornata e comunque gioca, afferra le cose, corre, fa tutto normalmente senza mai lamentarsi di un ipotetico dolore. Il pediatra dice di stare tranquilla perché si tratta sicuramente di dolori dovuti alla crescita. Lei è abbastanza alta per la sua età. Cosa può essere? Devo farla visitare da uno specialista? Devo osservarla ancora qualche altro giorno? Da un paio di giorni non mi segnala più il dolore. Grazie per la gentile risposta.
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Spesso è difficile stabilire di cosa si tratta anche con la visita diretta, ma è impossibile solo con la Sua descrizione. Qualche volta il bambino dichiara un dolore per imitare qualcuno in casa che si è lamentato, e/o per attirare l'attenzione. Spesso il bambino piccolo che ha veramente un dolore non se ne lamenta ma assume inconsapevolmente un atteggiamento di difesa (zoppica se il problema è all'anca o al ginocchio o al piede, oppure gioca utilizzando solo un braccio se dall'altra parte ha dolore alla spalla o al gomito o al polso). I dolori della crescita sono dolori del tutto benigni, cioè "passano" da soli, riferiti soprattutto alle gambe e dietro le ginocchia, talvolta alle braccia, e che insorgono specialmente di notte tanto da provocare il pianto per cui il bambino si sveglia e sveglia i genitori. Questi dolori provocano nei genitori ansia e preoccupazione, ma bisogna che essi non trasmettano al bambino queste sensazioni, ma anzi lo tranquillizzino spiegandogli che non è nulla. Quando compaiono questi dolori in genere durano per alcuni giorni consecutivi e poi spariscono spontaneamente. Se da un paio di giorni non segnala più dolore è possibile che si trattasse proprio di questo. Se si ripresentassero ne parli con il pediatra:è lui lo specialista di riferimento.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 343XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio di cuore per la sua
tempestiva ed esauriente risposta.