Utente 369XXX
Gentili dottori,
Vorrei un Vs parere in merito alla situazione in cui mi trovo: nel mese di dicembre ho scoperto con immensa felicita' di essere incinta, ma purtroppo la gravidanza non e' continuata, aborto interno, dovro' eseguire controllo giovedi' dal ginecologo, per accertare che non ci siano "residui", visto che come lui mi aveva anticipato, si e' presentato un ciclo abbondante dal 2 al 6 di gennaio. Premesso cio', e' da ieri pomeriggio che ho dolore/fasdidio al petto, al centro tra i seni, e con il movimento di chinarmi in avanti mi si accentua. Stamattina mi sono recata dal mio medico di base, che in un primo tempo mi ha detto di che sarebbe opportuno verificare le condizioni del cuore con un tracciato, poi alla fine mi ha prescrittoil pantoprazolo per una settimana per vedere se migliora, significa che e' un disturbo collegato allo stomaco. Mi ha controllato solo la pressione:130/90, commentando che e' un po' alta, tendenzialmente ce l ho bassa.Ora pero' che mi ritrovo a casa, il pensiero che potrebbe esserci qualche problematica al cuore, mi fa stare in ansia, anche se ho piena fiducia nel mio medico, ma vorrei chiedere a Voi se questi sintomi possono essere legati all 'aborto, e se e' il caso che vada a controllarmi sjbito da un cardiologo (non ho precedenti personali, ma mia madre e' deceduta a causa di una tromboembolia polmonare dopoun intervento alle vene varicose, a distanza di una settimana dall intervento)
Questo fastidio mi era gia' comparso poco prima di rimanere incinta, per un paio di giorni, ma poi e' scomparso. Aggiungo infine che durante la notte spesso mi si informicolano le braccia, e durante il giorno permane un leggero senso di pesantezza.Ringrazio anticipatamente per l attenzione e se vorrete gentilmente rispondere.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buonasera,
A distanza e senza poterla visitare è difficile dirle con sicurezza di cosa possa trattarsi.
Il suo medico evidentemente ha ritenuto per il momento di non farle fare accertamenti.
Tuttavia le consiglierei nel caso proseguissero i disturbi di rivolgersi nuovamente al suo medico in modo che possa eventualmente suggerirle quali accertamenti eseguire.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,
Ringraziando per la risposta, Le comunico che stamattina sono piu' tranquilla, in quanto la fitta che mi veniva piegandomi in avanti non c e' piu', ed il dolore al petto e' diminuito notevolmente.
Cordiali saluti