Utente 369XXX
Gentili Dottori, vorrei un vostro consulto.
Soffro da diversi mesi di tachicardia, sento il battito, il che mi dà molto fastidio perché è forte, lo sento soprattutto quando sto in piedi oppure appena alzata (quindi stando in piedi), immaginarsi poi quando cammino. E' possibile che lo percepisca molto perché sono magra?
Inoltre spesso avverto come dei colpi in mezzo al petto, a volte è il cuore, altre volte sono solo colpi in mezzo al petto, mi hanno detto che potrebbe essere il reflusso, volevo sapere se il reflusso può coinvolgere anche il cuore e quindi crearmi questi fastidi.
Non ho mai sofferto di problemi cardiaci, da piccola avevo solo un piccolo fastidio che consiste nel cuore che improvvisamente batte veloce e forte e poi si calma, ma si tratta di episodi di pochi secondi che mi vengono una volta ogni tanto. Adesso per colpa forse del reflusso questa cosa la ho più spesso ma diciamo che si limita a darmi questi "colpi" la tachicardia non parte.
Un'ultima cosa: sempre da quando mi hanno diagnosticato questo reflusso ho iniziato ad avvertire fastidi al cuore come se battesse male, è spiacevole come sensazione, sembra che il cuore faccia la danza del ventre...perché batte e non batte...cosa posso fare per contrastare tutte queste spiacevoli sensazioni?
Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' molto probabile che si tratti di banali extrasistoli....nulla di preoccupante. Piuttosto lei mi sembra un tipo ansioso e questo non l'aiuta a tollerare i suoi disturbi, che a mio giudizio non meritano trattamenti.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Va bene, però ho preso comunque un appuntamento con l'aritmologo perché mi sono scocciata, se poi mi dirà visitando di persona che non ho nulla a quel punto mi metterò l'anima in pace però vorrei aggiungere una cosa:

Durante la notte, non ho problemi, al mattino appena mi alzo è accelerato, si placa solo se mi stendo oppure dopo diverso tempo in piedi. L'unica cosa che ho pensato è che probabilmente dopo un'intera notte sdraiata a letto mettersi in piedi mi crea un'innalzamento di pressione e quindi battito accelerato (ma regolare), ma è una mia teoria.
Inoltre oggi soprattutto è un continuo avere tonfi del cuore, l'ho notato soprattutto cambiando posizioni mentre stavo seduta. Al che mi chiedo che cosa è?
Ho fatto ad agosto un'ecocardio che risultava nella norma. A giugno ho fatto un holter 24 ore sono risultate extra di vario tipo ma nessuna tripletta o doppietta. Infine diversi ecg l'ultimo ad agosto che risultano nei limiti anche se esce spesso la dicitura anomalia atriale destra.
Grazie ancora per la pazienza, sto solo cercando di capire se è il caso di preoccuparsi o di stare tranquilla nonostante le spiacevoli sensazioni.