Utente 328XXX
Buongiorno.
l'estate scorsa ho avuto dolori ad una gamba (mi bastava mettere giù il piede dal letto e camminare per sentire male in alcuni punti) ed ho effettuato un ecodoppler con questo esito:
Circolo venoso pervio e continente bilater. ben attivabile alle manovre dinamiche.
Giunzioni safeno-femorali dilatate e continenti bilat.
Varicosi bilaterale di grande safena.
A DX varice che dalla regione perineale raggiunge medialmente la grande safena al III medio di coscia. In sede posteriore ulteriore varice extrasafenica che scarica nella piccola safena al polpaccio.
A SN varici di coscia e di gamba con reflusso significativo in sede mediale di gamba.
Piccole safene non dilatate.
Assenza di segni di TVB e tromboflebite superficiale.

Fatto ciò ho soprasseduto, vista la stagione estiva, ed ho iniziato di nuovo a fare acquagym con regolarità.
Ora sto bene (a parte l'interno coscia dx che ogni tanto si fa sentire) ma non so se posso soprassedere o se sia meglio affrontare la cosa prima che peggiori!
Ho 50 anni e vorrei un consiglio su cosa fare ma anche, eventualmente, sul come farlo...visto che di tecniche sclerosanti ce ne sono davvero tante!
Grazie
Paola
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
l'opportunità di sottoporsi ad intervento chirurgico discende da tre fondamentali motivazioni:
rimuovere i sintomi
prevenire le complicazioni (flebite, ulcera, TVP, ecc)
miglioramento estetico.

Non sembrerebbe per altro certo che i sintomi lamentati l'estate scorsa siano sicuramente assimilabili a quelli della malattia varicosa.

Nel Suo caso il trattamento (in ogni caso necessario) potrebbe avvalersi della chirurgia, della scleroterapia o delle due metodiche associate. La strategia più indicata non è valutabile a distanza.

Non saprei il motivo per il quale ritenga che esistono "tante" tecniche sclerosanti.
Esistono al più varianti in relazione agli agenti impiegati (in Italia ne sono registrati solo due), alla forma fisica degli stessi (liquida, schiuma) o alla tecnica di iniezione (con o senza guida ecografica).