Utente 332XXX
Un paio di mesi fa in seguito a una caduta,durante una partita di pallone, avvertì doloro vicino all'anca destra. Dopo aver utilizzato una pomata il dolore svani. Dopo un po, ritornando a giocare, il dolore si ripresentò. Quindi su consiglio del mio medeico ho effettuato una ecografia alla coscia destra. Il responso di tale esame dice:
'Non si osservano significative alterazioni morfo-strutturali e/o scompaginamento delle miofibrille dei gruppi muscolari esaminati. Assenza di stravaso siero-ematico.
"il dolore alla digito-pressione si presenta in corrispondenza della testa femorale"'.
Il mio medico mi prescitto delle compresse da prendere. Secondo voi, cosa potrebbe essere? mi consigliate un esame più approfondito? Il dolore lo avverto quando sto per molto tempo in piedi e/o quando è sottosforzo.
Spero di Ricevere una Vostro Cordiale Consulto. Ringrazio per la vostra attenzio.
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Purtroppo "cosa potrebbe essere" non possiamo saperlo, solo leggendo la sua richiesta. Non abbiamo gli elementi necesaari nemmeno per capire la sede del dolore : Lei parla di "dolore vicino all'anca" e chi ha fatto l'ecografia scrive che il dolore è "in corrispondenza della testa femorale". Premesso che mi pare strana la localizzazione del referto ma che soprattutto non so cosa intenda per "vicino all'anca", per esprimere un parere è indispensabile averLa interrogata, ascoltata e visitata. Occorre in altre parole aver individuato la sede del dolore e poi, di conseguenza, testare con manovre specifiche le strutture muscolari, legamentose, scheletriche che possono essere coinvolte, oltre che palpare la zona per individuare alterazioni di temperatura, consistenza, sensibilità, ecc. Insomma è indispensabile la visita diretta. Bisogna quindi che Lei parli con il Suo medico per capire se ha ipotizzato una diagnosi e qual è lo scopo della terapia ("delle compresse" non fornisce nessuna informazione in proposito), e/o se ritenga opportuno ricorrere a una visita specialistica, presso un ortopedico o un medico fisiatra.
Cordiali saluti