Utente 370XXX
Buonasera a tutti,
da qualche giorno soffro di un fastidiosissimo prurito al pene, concentrato nella zona del prepuzio. Questo accompagnato da un arrossamento della pelle e del glande, e dallo screpolamento della pelle del prepuzio. Aggiungo di non aver notato alcun tipo di secrezioni e che il disturbo è limitato alla suddetta parte del pene e non è diffuso nel resto delle parti intime. Non ho avuto alcun rapporto sessuale recente e ho (casualmente) appena finito una terapia antibiotica per una semplice influenza.
Per adesso mi sono limitato alla pulizia con acqua e detergente intimo, trovando lieve sollievo nei momenti successivi a tali lavaggi.
Vorrei gentilmente chiedere, anche se capisco sia difficile una diagnosi online, se potrebbe essere una semplice irritazione che se ne va da sola oppure se devo preoccuparmi e rivolgermi al mio medico di base. Inoltre, cosa mi consigliate per alleviare questi fastidi oltre alla semplice pulizia? Avevo pensato a dei lavaggi con Euclorina che ho in casa, ma ho preferito aspettare.
Distinti saluti e grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

potrebbe trattarsi di una micosi che si è manifestata dopo la terapia antibiotica che ha probabilmente provocato una riduzione delle sue difese immunitarie, sarebbe comunque necessario una conferma attraverso un esame diretto che in prima battuta potrebbe fare il suo medico, nell'attesa per l'igiene intima usi un semplice sapone detergente.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

come le dice il dottor Maretti una terapia antibiotica per qualsiasi motovo porta alla "distruzione, eliminazione" dei comuni batteri che vivono sulla cute del corpo, "flora saprofitica". La eliminazione dei batteri consente a certi funghi ( la candida) di non avere "rivali" e quindi di potersi sviluppare in maniera esagerata tanto da rendersi ben evidenti (patogeni)
Accurata igiene, uso di qualche soluzione locale da farsi prescrivere dal medico, evitare i rapporti sessuali per non contaminare la partner. etutto dovrebbe risolversi e sparire. Ma , sempre attento in caso di altre terapie antibiotiche
cariu saluti
[#3] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Consigliate di attendere ancora qualche giorno prima di rivolgersi al medico oppure non aspettare? Nel frattempo si può utilizzare l'euclorina per qualche lavaggio oppure meglio proseguire con acqua e semplice detergente?
[#4] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
può aspettare e vedere se si risolve solo con lavaggi di un semplice detergente e in caso contrario rivolgersi al medico prima di utilizzare prodotti che potrebbero essere nocivi.

Ancora cordialità
[#5] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Salve, quest'oggi il problema sembra essere cambiato: è quasi scomparso del tutto il prurito, ma si è sostituito un dolore se si prova a "scappucciare" il pene e sempre arrossamento sia del prepuzio sia dell'interno vero e proprio. Penso mi rivolgerò ad un medico lunedì, poiché è il primo giorno disponibile, intanto avete qualche consiglio oppure qualche idea su cosa possa essere il problema? Devo preoccuparmi?

Grazie in anticipo per la disponibilità
[#6] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

come detto serve la visita, tuttavia potrebbe essere l'evoluzione di una candidosi che sta riducendo l'elesticità del prepuzio che induce dolorabilità nel momento che si cerca di scoprire il glande, continui con il detergente e aspetti la conferma con la visita.

Ancora cordialità
[#7] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,
scusate il ritardo nella risposta. Lunedì purtroppo non ho potuto vedere il mio medico di base perchè assente dallo studio (in malattia), tuttavia ho avuto occasione di parlare con un'ostetrica che nonostante non fosse specializzata mi ha dato qualche "dritta", ovvero biancheria in cotone (che già utilizzavo in precedenza), assunzione di fermenti lattici ed un detergente intimo, "Saugella Uomo". Da lunedì ad oggi ho seguito le sue indicazioni, e il quadro è il seguente: il prurito è quasi totalmente scomparso, e in generale la situazione è migliorata. Tuttavia non posso ritenermi guarito: persistono un leggero bruciore (soprattutto dopo una minzione oppure qualche sollecitazione), e mentre prima provavo dolore a scoprire il glande anche a pene flaccido (e da eretto neanche ci provavo per il dolore) adesso questo disturbo appare solo durante l'erezione, non riesco a scoprire il glande e sento dolore e bruciore. Infine, anche questo solo a pene eretto, ma suppongo perchè la pelle è in tensione, si evidenziano dei puntini rossi sul prepuzio.
Consigliate di proseguire con il nuovo detergente visti i sensibili miglioramenti? I fermenti lattici hanno una loro utilità o possono essere esclusi?
Nel ringraziarVi sentitamente per le future risposte,
cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Bene, avanti con il detergente e soprattutto faccia la visita almeno dal suo medico, per i fermenti nell'immediato per il problema specifico non servono, mentre a lungo termine sembra migliorino le difese immunitarie del soggetto.

Ancora cordialità