Utente 185XXX
Buongiorno
vi scrivo per avere delle informazioni riguardo un problema relativo a mia madre, di 67 anni, che dal 26 maggio 2008 si trova in stato di coma conseguente ad un trauma cranico. E' infatti inciampata e caduta, urtando la testa. Poichè era in cura con il Cumadin, si è prodotta un'emorragia e un ematoma subdurale. E' stata quindi operata d'urgenza, ma è rimasta in stato di coma.
Attualmente ha aperto gli occhi, ma non c'è ripresa della coscienza. Mi dicono che ha subito un danno ai talami, a causa della pressione esercitata dall'ematoma, e alla parte destra del cervello, per l'effetto del versamento di sangue.
Ultimamente ho saputo della possibilità di un intervento ai talami che potrebbe aiutare il risveglio, potreste darmi qualche informazione in merito?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,
scusandomi per il ritardo nella risposta le suggerirei di riformularla direttamente ai Colleghi Neurochirurghi che forse potranno essere più precisi vista la particolarità dell'intervento.

[#2] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2006
Grazie comumque per la risposta. Mi scuso anch'io per il ritardo. Ho cercato di informarmi altrove, ma sembra che chi mi ha parlato di tale intervento, non essendo del settore, abbia fatto un po' di confusione. Le modalità descritte ricordano infatti il drenaggio del liquor cerebrale.
Nel frattempo le condizioni di mia madre sono rimaste stabili, è in coma vegetativo con apertura e movimenti degli occhi e anche di braccia e mani. Tra poco verrà trasferita in un centro di lunga degenza. Non ci hanno dato molte speranze, ma chissà..
Noi tutti ci chiediamo cosa sia in grado di percepire della realtà esterna. Personalmente ho l'impressione che abbia degli sprazzi di coscienza. A volte sembra rispondere ai comandi (come ad esempio muovere un dito) altre volte no. I medici dicono che manca l'attività corticale. Mi chiedo come si rilevi tale attività. Con l'elettroencefalogramma, o dalle eventuali risposte ai comandi?
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
La risposta al comando è una prova "pratica" di funzioni cerebrali superiori a sede corticale; può essere fatto anche un esame elettroencefalografico per valutare l'entità del danno corticale valutando le onde "patologiche" evidenziate.
Tuttavia dalla mia esperienza noto come si tenda molto spesso a sopravvalutare questo esame aspettandosi chissa quali risposte.
Probabilmente il suo valore sta forse nel fatto di effettuarlo periodicamente per valutare con un raffronto un eventuale peggioramento, una stabilità o un miglioramento nel tempo della attività elettrica corticale anche se questo non coincide con il reale stato clinico del soggetto.
cari saluti
[#4] dopo  
Utente 185XXX

Iscritto dal 2006
La risposta al comando è quindi l'unica prova certa di ripresa della coscienza, cioè del "risveglio"?
Mia madre ha da poco iniziato un trattamento a base di levodopa. Potrà favorire la ripresa della coscienza?
Grazie ancora della sua disponibilità.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Beh! è un dato che sua Madre percepisce uno stimolo e in un certo qual modo risponde a un comando, ha una relazione con l'esterno. E' un dato ma non una certezza che possa risvegliarsi. Ritengo però che vi possano essere le basi per ipotizzare la possibilià di iniziare una neuroriabilitazione quotidiana in un centro specializzato, sempre che nel frattempo si sia svezzata dal ventilatore artificiale con cannula tracheostomica e la sua alimentazione fatta attraverso PEG.
Sono passati molti giorni dalla sua iniziale mail, ha altri dati (miglioramenti, risultati di esami neurologici e strumentali) da comunicare?
L'aspetto