Utente 132XXX
Buongiorno a tutto lo staff!
Sono una ragazza di 35 anni, generalmente in buona salute, e quest'anno ( dopo circa 20 anni di immunità ) ho beccato la famigerata influenza .
Febbre per 4 giorni, di cui solo per un giorno sopra i 38, i restanti giorni al mattino nulla e solo nel pomeriggio raggiungeva i 35.5 / 35.7 .
Dolori articolari, mal di testa , dolore alle orbite oculari, raffreddore e inizio di senso di oppressione al petto e tosse , tutti sintomi tipici .
Mi rivolgo al medico semplicemente perché al 4^ giorno vedo che la febbre sale ancora nel pomeriggio - Mi visita e pare tutto normale. Pero' decide di prescrivermi un antibiotico da associare ad un antinfiammatorio. La mia domanda è perché? Oggi che dovrei iniziarlo vedo che la febbre non mi sale, anzi al contrario la temperatura è piu' bassa del solito, a fatica raggiunge i 36^ !
L'antibiotico servirebbe quindi per scongiurare un'eventuale complicazione tipo bronchite o faringite? Ma ha senso prendere un antibiotico a scopo preventivo ( è anche vero che è una prassi pr gli interventi dentistici... ) ? Cosa ne pensaste? Grazie mille, auguro una buona giornata!
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve Signora,
la pratica di somministrare l'antibiotico in caso di influenza senza sovrapposizione batterica documentata è inutile e anzi dannoso.
Non lo dico io ma la Scienza Medica.
Contribuisce a creare l'insorgenza di resistenze batteriche e non previene un bel nulla.

Credo che lei sia guarita dalla sua influenza: resti a casa al caldo per qualche altro giorno.
Per quel che concerne l'Antibiotico, si senta col suo curante: io ne sconsiglio l'assunzione a influenza passata...
Tenga presente che la debolezza e l'astenia potranno durare parecchi giorni. E' tipico dell'influenza VERA (H3N2)!

Si discute molto anche sulla "copertura antibiotica" dopo interventi chirurgici: spesso se ne abusa con il risultato che ormai molte frecce che avevamo nella nostra faretra sono spuntate.
Tuttavia trattandosi di interventi in cui vi può essere una contaminazione batterica (pensi al cavo orale o agli inteventi sull'intestino) una ratio c'è.

L'anno prossimo si vaccini: di vaccino non si muore! Di influenza si può finire in rianimazione.....
Cordialità.