Utente 796XXX
Salve. Sono un ragazzo che ha appena compiuto 17 anni e gli è stato diagnosticato un varicocele al testicolo sx. Dopo una prima visita da un urologo (il quale ha notato che avevo un varicocele di 2/3 grado), mi ha consigliato di eseguire un eco - doppler. Ho eseguito il doppler,che ha confermato un reflusso di III grado nel testicolo sx. A questo punto, mi è stato detto di eseguire uno spermiogramma, per vedere se operare o no.
Prima che mi fosse diagnosticato, non ho mai sentito alcun fastidio o peso(sebbene il testicolo sx pendi e sia più grosso del destro). 1 settimane fa, ho inziato a sentire un pò di fastidio, ma ritengo sia perlopiù psicologico (in quanto ho iniziato a sentirlo il pomeriggio dopo la prima visita).

A questo punto, avrei alcune domande:
1) Credevo bastasse un doppler per sapere se operare o no.Sopratutto in quando, avendo 17 anni, il mio sperma non è ancora del tutto stabile (scusate se non è la definizione giusta, ma non so come altro dirlo). Allora perchè mi è stato consigliato uno spermiogramma?
2) Se mi consigliassero di non operare, il problema potrebbe peggiorare con il tempo (inferitlità, testicolo sisnistro più in basoo e pesante del destro, etc)?
3) Nel caso dovessi operarmi, potreste illuminarmi a grandi linee su come avviene l'operazione? Possono esserci complicazioni post operatorie? Il varicocele può tornare anche dopo l'operazione? E dopo l'operazione, sarei in grado di vedere e tastare i cambiamenti( scomparsa delle vene dilatate, il testicolo sx che torna allo stesso livello del sdestro) o solo attraverso le analisi?

Grazie mille per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Moiso
28% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile utente le sue domande sono precise e cercherò di rispondere in maniera sintetica laddove sia possibile anticipandole che la vaslutazione clinica diretta è comunque la sola corretta metodica per arrivare ad una diagnosi ed alla relativa terapia.
1)l'età non è solo anagrafica ma soprattutto biologica e questo senzxa visitarla non posso valutarlo, comunque l'esame seminale ha significato in soggetti che abbiano linicamente completato lo sviluppo puberale: L'esame ecocolorDoppler è diagnostico e deve comprendere anche una misurazione del volume di entrambi i testicoli;
2)il varicocele è significativamente presente in percentuale maggiore nei maschi patner di coppie infertili e genralmente l'alterazione della spermatogenesi dovuta la varicocele è progressiva;
3)esistono diverse tecniche chirurgiche con relative indicazioni e complicazioni che dovrà valutare con il suo urologo/andrologo di riferimento. La possibilità di recidiva è una complicanza reale la cui prevalenza è funzione del tipo di varicocele in relazione alla metodica utilizzata per la correzione.

Cordialmente