Utente 272XXX
Buongiorno,
dopo diversi mesi dalla comparsa di dolore alla gamba destra con qualche difficoltà nel camminare, mio padre, 80 anni, ha effettuato una visita radiologica della quale trascrivo l'esito:
"Artrosi bilaterale dell'anca, con accentuazione sclerotica del ciglio acetabolare e segmentaria riduzione di ampiezza dell'interlinea articolare.
Sostanziale simmetria articolare delle anche, bacino in asse."
Qual è la terapia più indicata in questi casi?
E' possibile prevenire ed evitare l'operazione di inserimento di protesi, ovvero sarebbe indicata? Esistono tecniche poco invasive?
Ringrazio e porgo i migliori saluti.
[#1] dopo  
Dr. Emanuele Caldarella
48% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gentile utente,

posto che senza poter visualizzare le lastre e senza poter visitare Suo padre è molto difficile stadiare il processo artrosico, all'età di 80 anni cercare di procrastinare l'intervento in genere non ha molto senso.
Quello che l'ortopedico può fare con la visita è capire se Suo papà può beneficiare di palliativi antidolorifici (cure farmacologiche o fisiche) in caso di artrosi molto iniziale.

Tuttavia, per un'ottantenne, per poter intraprendere queste cure palliative l'artrosi deve essere davvero molto, molto iniziale. Se l'immagina cosa succederebbe se sua papà, grazie a queste terapie, dovesse riuscire a tirare avanti 5 o 6 anni? Succederebbe che poi si troverebbe a dover affrontare un intervento, quando le terapie non funzioneranno più, non a 80 ma a 85-86 anni.
In caso di artrosi franca, non avrei dubbi: attendere altri mesi o anni non farebbe che rendere più complicate le cose, in quanto il percorso chirurgico per Suo padre sarebbe senza dubbio più difficile. Il ricorso ad un centro di eccellenza per la chirurgia dell'anca potrebbe ottimizzare alcuni aspetti chirurgici e riabilitativi. Le giro il link ad un articolo informativo che Le potrà essere utile.

http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/587-artrosi-anca-coxartrosi-protesi.html

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 272XXX

Iscritto dal 2012
Faremo visionare le lastre all'ortopedico e se sarà confermata l'indicazione all'intervento lo affronteremo con maggiore serenità. Per ora la ringrazio infinitamente. Cordiali saluti