Utente 371XXX
Salve,
innanzitutto grazie dell' attenzione.
Premetto che sono uno sportivo, pratica bodybuilding, sci, camminata in montagna e in bicicletta da sempre alternando le varie attività e svolgo sport quasi tutti i giorni ( generalmente salto solo un giorno o due a settimana).
Ho svolto la visita sportiva ( ECG sotto sforzo ) nel novembre 2013 e a parte una tachicardia abbastanza accentuata non mi è stato rilevato nulla di anomalo e ho ottenuto l' abilitazione.
All' incirca a meta gennaio sono andato a correre per circa 50 minuti come faccio abitualmente e dopo aver terminato il defaticamento ho cominciato ad avvertire una tachicardia molto forte con senso si svenimento e debolezza. Dopo un oretta circa tutto si è risolto lasciandomi molto affaticato.
Il giorno seguente, dopo aver dormito tutta la notte, ho continuato ad avvertire un malessere generale con stanchezza e mi sono recato al pronto soccorso.
Li mi hanno fatto esami del sangue ( tutto completamente nella norma ) ed ECG che non ha rilevato nulla di anomalo, a parte i battiti accelerati ( 110 al minuto ) e la pressione alta ( 160-110 ). Qui mi hanno liquidato asserendo che si trattava di sintomatologia ansiosa e dandomi benzodiazepine.
Premetto che sono un soggetto abbastanza ansioso e sono in cura da uno psicologo in quanto da settembre dell' anno scorso ho attacchi di panico e ansia generalizzata.
Per tranquillizzarmi ho preferito eseguire una visita cardiologica con ecocardiogramma e ECG sotto sforzo due giorni fa.
Anche questi non hanno rilevato nulla di anomalo a parte una tachicardia sinusale marcata che si è mantenuta anche dopo il termine del test ( dopo dieci minuti la mia pfrequenza cardiaca era ancora sopra i 100 bpm )
Il cardiologo mi ha consigliato di assumere una blanda dose di betabloccante e, se si dovesse ripetere un nuovo episodio come quello capitatomi, di andare subito in pronto soccorso per poter effettuare un ecg d' urgenza ed eventualmente effettuare Holter 24 ore.
Preciso però che nell ultimo anno il mio battito sale molto velocemente di frequenza anche al minimo sforzo, nonostante sia un soggetto allenato, e in alcuni casi ho giramenti di testa ( appena mi fermo dopo uno sforzo impegnativo).
Non sono mai svenuto, non assumo nessun farmaco, curo l' alimentazione e fumo al massimo 5 sigarette al giorno. Nonostante i miei dati ( 165 cm d' altezza per 70 chili di peso ) non sono sovrappesso ma ho un fisico atletico e muscoloso.
Pressione a riposo sempre nella norma ( 120/80)
.
Al termine di questo lungo preambolo sono a chiedere se questi giramenti di testa sotto sfrozo e questo episodio di tachicardia al termine dello sforzo possono essere sintomi di un eventuale aritmia.

Grazie mille
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' possibile....ma improbabile.
Comuqnue lei potrebbe fare un Holter ECG delle 24 nel caso in cui il problema dovesse diventare ripetitivo. Inoltre può essere utile misurare la pressione (anche se non in maniera ossessiva). Informi anche il suo psicologo dell'accaduto.
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr.ssa Alessandra D'Ambrosi
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2015
Nel suo caso un Holter dinamico delle 24 ore è sicuramente l'esame più appropriato ma non tralascerei di dosare gli ormoni della tiroide con un banale esame del sangue (FT3, FT4 e TSH), per essere certi che non ci sia sotto un disturbo endocrino.

Cordiali saluti

Dott.ssa Alessandra D'Ambrosi
[#3] dopo  
Utente 371XXX

Iscritto dal 2015
Grazie delle celeri risposte

Mi è stato consigliato di assumere una compressa da 1.25 mg al giorno d betabloccantei bisoprololo

E l holter di effettuarsi se si ripete la tachicardia a seguito di sforzo fisico

Non ho comunque tachicardia a riposo
l holter l avevo effettuato nel 2006 dopo alcune extrasistole che avevo avuto ed aveva avuto esito negativo e la causa era stata attribuita a stress

Anche in quel periodo avevo un accelerazione del battito molto repentina a seguito di sforzi
poi negli anni seguenti tutto si era risolto avevndo curato l ansia
[#4] dopo  
Dr.ssa Alessandra D'Ambrosi
20% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2015
Le consiglio di eseguire il dosaggio degli ormoni tiroidei come consigliato precedentemente.

Cordialmente

D'Ambrosi
[#5] dopo  
Utente 371XXX

Iscritto dal 2015
Slave,

gli esami del sangue hanno tutti dato esito negativo

compreso gli ormoni tiroidei
[#6] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'ipertiroidismo può causare incremento delle frequenze immotivate, ma credo che il suo medico curante l'avrebbe preso in considerazione, conoscendola meglio di noi, se ci fosse stato questo sospetto. Per rispondere nuovamente al suo quesito di partenza le ripeto che può provare a fare un Holter ECG per escludere aritmie (se ho compreso bene è questa la sua paura). Per il resto, ovviamente, la sua ansia patologica di per se giustifica i suoi sintomi.
Cordialmente