Utente 872XXX
Gentili dottori,
Vi scrivo per mia madre. Dopo una dcp effettuata 2 anni fa ora ha subito la seconda operazione per un ernia addominale o meglio un laparocele, che si è formato sotto il primo taglio chirurgico. Il chirurgo ha posizionato la retina fissando la alle coste e ha inserito 2 drenaggi.
Il guaio è che al momento della rimozione, 3 gg dopo l'intervento, si è manifestata una abbondante emorragia nel sottocute. Mia madre si stava vestendo per tornare a casa e all'improvviso si è sentita svenire e tolta la pancera l'addome era gonfio. Dopo una ecografia è stata portata in sala per pulire la zona, ricucita e portata in camera. Ora ha altri 2 drenaggi e sono terrorizzata al pensiero di quando li sfileranno nuovamente. Mi è stato detto che questa complicanza non è così frequente per un bravo chirurgo.
Come mai è capitato? È normale tirare i tubi di drenaggio per toglierli? Sono molto preoccupata visto che in 3 anni mia madre ha subito 10 interventi per calcolosi della colecisti, stento, dcp e ora queste ernie...
Mi potete spiegare per favore, come si toglie correttamente un drenaggio? Voglio evitare altre complicanze assurde . Grazie
.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Puo' succedere. A tutti.Si, è normale tirarli altrimenti non escono.
Ora il problema appare risolto e non c'è motivo di credere si ripresenti. Prego.
[#2] dopo  
Utente 872XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno Dottore,
La ringrazio per la risposta.
Purtroppo si è presentato un ulteriore problema. Al momento delle dimissioni ieri ci hanno consegnato il referto di un rx torace che mia madre aveva effettuato a ottobre durante gli esami pre operatori.
Il radiologo scrive che al campo inferiore sinistro si riconosce una sfumata formazione pseudonodulare radiopaca di circa 6 mm compatibile in prima ipotesi con immagine proiettiva del capezzolo ma si consiglia ricontrollo a 2 mesi con reperi metallici. Sei costofrenici liberi. Ombra cardiaca ai limiti superiori.
Il problema è che il radiologo consigliava di rifare la radiografia a 2 mesi ma la busta ci è stata consegnata ieri, cioè 4 mesi dopo.
Lunedì andremo a rifare l'esame ma ora siamo terrorizzati.
Se non fosse l'ombra del capezzolo potrebbe essere un tumore, mia madre ha subito una dcp 3 anni fa e da allora fa una tac alternata a una ecografia ogni 6 mesi, oltre ai marcatori Cea e Ca 19.9 e non si è mai riscontrato niente. Potrebbe essere collegato?
Inoltre mia madre esegue la mammografia ogni 2 anni e di solito la richiamano x dire che ha una ciste a un seno (non ricordo se a dx o sin) che però non le tolgono perché innocua. L'ombra può essere la ciste che sulla radiografia sembra sul polmone dato che l'immagine è piatta e non in 3d come la Tac?
La prego mi aiuti. Lunedì sembra non arrivare mai...
La ringrazio molto.