Utente 371XXX
Gentili Dottori,
Buonasera.
Vi porgo questo quesito per diversi problemi occorsi in seguito ad un intervento chirurgico. Il 12 Luglio 2014,in seguito ad un trauma durante una partita di calcetto,riportavo la "lesione totale LCA e lesione a manico di secchio del menisco interno del ginocchio destro"; il 30 Luglio 2014 venivo operato per "ricostruzione LCA con ST+GR e menisectomia selettiva interna per via artroscopica. Dopo i primi 4 mesi di fisioterapia e recupero muscolare, il ginocchio continuava ad essere caldo,gonfio e dolente,il tutto preciso senza aver subito nessun altro tipo di trauma e senza aver fatto sforzi eccessivi,se non quelli previsti dal normale piano di recupero.
Dopo le feste natalizie ho pertanto deciso di effettuare una risonanza magnetica che ha dato questi esiti:
"il neolegamento presenta aspetto disomogeneo,senza interruzione,nel decorso libero intercondiloideo e necessita di valutazione clinica funzionale per un giudizio sulla stabilità articolare. Si associa una modica reazione sinoviale intercondiloidea e nei tunnel ossei.
Nella norma il crociato posteriore ed i legamenti collaterali.
Assenza di attuale edema intraspongioso femoro-tibiale.
In esiti di menisectomia mediale parziale l'indagine odierna documenta segni di meniscosi del corno posteriore residuo che presenta aspetto disomogeneo con parcellare fissurazione. Nella norma il menisco laterale.
Rotula in asse. Nella norma il tendine rotuleo.
Modico versamento articolare nei processi superiori."
Portando il referto al fisioterapista mi ha spiegato,e fatto vedere,che c'è una nuova piccola lesione nel leogamento;inoltre mi ha fatto notare che vi è ancora qualche frammento di menisco da asportare.
Come è possibile che il neolegamento si sia lesionato senza aver fatto nulla,e senza aver subito alcun trauma?? Il frammento di menisco è probabile che si sia staccato in seguito o è un residuo della precedente operazione e che quindi il chirurgo abbia sbagliato?? Come è neccesario intervenire ora e,soprattutto,è necessaria una nuova ricostruzione dell'LCA?
Certo della Vostra disponibilità e della Vostra collaborazione,
porgo distinti saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Restuccia
24% attività
20% attualità
12% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Invece di consultare il suo fisioterapista io consulterei il chirurgo che l'ha operata portandogli la RM. Il referto della risonanza è molto generico e quanto decritto potrebbe non avere alcuna rilevanza clinica. Mi spiego meglio: il radiologo si limita a descrivere le immagini della RM senza visitare il paziente, per cui in un ginocchio operato è normale avere del versamento e dell'edema e ciò puo' creare false immagini. solo l'ortopedico puo' visitando il ginocchio dirle se quanto riportato nella RM può avere una correlazione clinica. Per quanto riguarda il menisco credo che non si tratti di una nuova lesione. Ma il residuo del corno posteriore appare degenerato e fissurato, non è detto che sia la causa dei suoi mali.
Lasci perdere il fisioterapista e consulti l'ortopedico.
[#2] dopo  
Utente 371XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore,
La ringrazio prima di tutto per la risposta. Ho già contattato l'ortopedico e prenotato la visita,che purtroppo causa impegni di quest'ultimo,potrà essere svolta solo a fine mese. Volevo,per questo,iniziare a farmi un idea di quello che potrebbe essere ed è per questo che ho richiesto un consulto e parlato della problematica con il fisioterapista.
Quello che volevo capire,almeno da quanto si evince dal responso della risonanza magnetica,è se sarà necessario un nuovo intervento di "pulizia" del ginocchio e se,la lesione a carico del crociato anteriore(qualora fosse vera e non un "falso positivo" dovuto al versamento) necessiti di un nuovo intervento di ricostruzione o ritensionamento dello stesso. Come sarebbe necessario intervenire?! Effettuando la cosiddetta manovra del cassetto il ginocchio non appare molto fermo ma un po instabile. Può essere dovuto al fatto che il neolegamento impiantato sia più elastico o dovrebbe apparire comunque fermo?!
Ed è inoltre ancora normale una risposta sinoviale a sei mesi dall'intervento,quando ormai il recupero dovrebbe essere quasi o del tutto completo?!
Ho omesso di dire che comunque da circa venti giorni il ginocchio ha smesso di gonfiarsi ed essere caldo,ma continuo ad avere spesso dolore svolgendo gli esercizi di recupero o anche,ad esempio,salendo banalmente le scale. Al tatto inoltre non appare asciutto e libero ma "pastoso" oltre a creare diversi rumori o scatti quando lo distendo e lo piego.
Vi ringrazio per la gentilezza ed ogni eventuale risposta.
Buonasera.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Restuccia
24% attività
20% attualità
12% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Non credo che lei abbia bisogno di un nuovo intervento chirurgico per risolvere i suoi problemi, probabilmente il suo ginocchio ha necessità di maggior trattamento fisioterapico, per cui aspetti la visita del suo ortopedico che sicuramente le darà le risposte a tutte le sue domande e le impostera' un corretto programma fisioterapico