Utente 798XXX
Buongiorno, sono una donna di 47 anni. A seguito di un ecodoppler eseguito oggi,una parte della diagnosi non mi risulta chiara: OMISSIS... Ritardo di chiusura dell'ostio safeno-femorale dx; ostio safeno -femorale sin. e safeno poplitei continenti. Cosa significa esattamente? Mi hanno consigliato calza elastica 140 den e compresse..
Grazie anticipatemente per la vostra risposta
Chiara

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ruggiero Curci
24% attività
0% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Vuol dire, semplicemente, che la vena, nella sua porzione "più alta" comincia ad essere incontinente ed a manifestare un reflusso breve, prodromico ad un reflusso lungo della fase più conclamata di malattia.
La prescrizione della calza elastica è appropriata.
[#2] dopo  
Utente 798XXX

Iscritto dal 2008
Egregio dottore, la ringrazio per la tempestiva risposta e colgo l'occasione per chiederle se devo adottare altri accorgimenti particolari per esempio: al sole ed altre fonti di calore, come tenere le gambe in posizione seduta, se la posizione eretta a lungo è sconsigliabile, che ginnastica fare e se è possibile fare sedute di linfodrenaggio e di rassodamento..
la ringrazio per la cortesia e l'attenzione

Chiara
[#3] dopo  
Dr. Ruggiero Curci
24% attività
0% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
la prevenzione delle patologie flebostatiche comporta una serie di piccoli accorgimenti che hanno lo scopo non di arrestare, ma di rallentare l'evoluzione della patologia in chi è predisposto.
Ciò che induce vasodilatazione, aumenta la stasi: ambienti caldi e umidi non sono indicati; l'aumento della pressione in addome favorisce il reflusso: sport con aumento del torchio addominale (es. il tennis) non sono indicati; la scarsa deambulazione, stando in piedi come seduta, non favorisce il ritorno flebolinfatico, per cui non è indicata...ecc.
Le norme di base sono: deambulazione regolare, assistita dalla compressione elastica preventiva degli arti inferiori; idratazione; non esporsi a fattori che inducano vasodilazione e controllo ambulatoriale periodico. L'impiego di farmaci ad azione flebotropa migliora la funzione vasale globale quindi è utile.