Utente 307XXX
Buonasera,

Da poco avverto dei strani malori, mi fa male la mascella sinistra, proprio al centro della guancia, che a volte prende anche sopra la tempia e all'orecchio, con dolori anche al braccio sinistro tra interno gomito e polso, poi sento un forte senso di essere affaticato, con una sensazione di venire meno, di svenire, con la solita tachicardia e una sensazione al cuore strana che mi mette molta ansia. Premetto che sono ansioso e pauroso delle malattie gravi, ho 19 anni, fumo pochissime sigarette e la maggior parte non aspiro, ho fatto pochi tiri di erba in passato ma non sono dipendente, pratico vita sedentaria. In passato ho fatto esami, con la quale 2 ECG ed 1 ECO tutto nella norma... Sono molto spaventato, potrebbe essere un inizio di infarto?? Davvero, sono sintomi preoccupanti... E' il caso di chiamare il medico o la guardia medica? Aspetto una risposta con pazienza..

Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
sembra, dalla sua descrizione, che i suoi dolori alla guancia, alla tempia e all'orecchio non abbiano nulla a che vedere con il cuore.

Anche i dolori al braccio sn "tra interno gomito e polso" non sono tipici della sofferenza ischemica del cuore.

Sembra più che lei vada incontro ad attacchi di ansia somatizzata o di vero e proprio panico.

Per i dolori alla mandibola si faccia vedere da uno gnatologo o per lo meno da un odontoiatra.

Cordialità.
[#2] dopo  


dal 2016
La ringrazio dottore, sono più tranquillo!

Solo un'ultima cosa.. Essere affaticato e avere tachicardia, indica la mancanza di allenamento? Pratico una vita sedentaria, può essere quella o il cuore? ,
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
l'astenia, l'affaticamento possono riconoscere moltissime cause, che vanno indagate con una visita "reale" che induca a un percorso terapeutico mirato.

Non comprendo che relazione voglia trovare tra la vita sedentaria e la sua astenia o il suo non meglio specificato affaticamento.
Nè per deontologia professionale ed etica posso esprimermi solo tenendo conto dei dati che ella riferisce.

Le ho scritto che probabilmente lei soffre di ansia somatizzata e forse di depressione "mascherata": ma queste diagnosi deve fargliele un medico "reale" dopo aver escluso ogni possibile causa organica.
Cordialità.