Utente 372XXX
salve,
sono un ragazzo di 21 vi racconto in breve la mia storia.
da quando ho 14 anni che fumo marijuana saltuariamente, ma arrivato ai 19 anni ho cominciato a fumarla tutti i di'. Poi ho avuto la brillante idea nell' estate 2013,quando avevo quasi 20 anni, di provare la cocaina, e nell' arco di un mese ne ho fatto uso per tre volte in quantità moderate. Tuttavia decisi di non toccarla mai più. Continuai a fumarmi le canne tutti i giorni, fino a quando, in una serata di fine settembre 2013, durante una serata in cui avevo fumato e bevuto un bel po, il cuore cominciò a battere veloce e fortissimo, me lo sentivo letteralmente scoppiare, ebbi una paura incredibile tanto che credevo di morire. l episodio durò circa un ora.
da quel giorno tutte le volte che fumo accuso lo stesso problema, il quale credo che sia un attacco di panico o qualcosa di simile.
quindi dato che non potevo più fumare, giustamente, dovevo cercare un altro sfogo, e da dicembre 2013 in poi ho fatto uso di cocaina tutti i sabati(anche se in dosi molto moderate tipo mezzo grammo anche meno), fino ad arrivare nei mesi di aprile, maggio e giugno in cui ne facevo uso 3-4-5 volte a settimana in dosi più elevate. inoltre c'è da dire che tutte le volte facevo uso di coca contemporaneamente bevevo. arrivato nel mese di luglio 2014 ho cominciato ad accusare problemi anche quando facevo uso di cocaina. ogni volta che pippavo sentivo un dolore, o più che dolore fastidio, cha partiva dalla parte sinistra del petto e si prolungava per tutto il braccio ma anche sul collo fino all altezza della mandibola, inoltre mi sentivo irrigidito, quasi paralizzato. purtroppo non sono riuscito a smettere di colpo ne con una ne con l altra sostanza, e in tutto credo di aver avuto una 50ina di attacchi di panico dovuti all erba(anche se non tutti della stessa intensità del primo, in quando cercavo di fumare sempre poco) e altrettante volte ho accusato quei dolori/ fastidi assumendo cocaina. ora; da un paio di mesi sono riuscito a smettere totalmente con la cocaina e quasi del tutto con l erba. da settembre circa, sono caduto in depressione, non riesco più a fare niente, passo le mie giornate nel letto, insomma tutto quello che comporta la depressione. inoltre sento che il mio corpo non è più quello di prima: non mai avuto degli attacchi di panico o dei fastidi cosi accentuati come quando assumevo cocaina, ma comunque sia sento che ho dei battiti irregolari,e soprattutto il " fastidio" che ho al petto ogni tanto lo sento ancora, alcune volte di più, altre di meno.inoltre mi sento sempre stanco fisicamente.
-che esami devo fare per sapere precisamente che danni ha causato la cocaina al mio cuore?potrei aver sviluppato qualche particolare patologia?
-il problema che ho quando fumo erba è del tutto psicologico o anche fisico?
inoltre vorrei sapere cosa ne pensate della mia situazione, magari aiutandomi con qualche consiglio, dato che sono già seguito da uno psicoterapeuta ma non sto avendo esiti positivi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
lei parla di attacchi di panico autodiagnosticati.
Inoltre è passato a "pippare" una droga notoriamente cardiotossica.
Senza assumere l'atteggiamento da bacchettone, che a mio avviso non si addice a un medico, io mi rivolgerei con fretta da un cardiologo per valutare le condizioni del suo cuore e delle sue coronarie!
La pippata seguita dal tipico dolore stenocardico potrebbe essere una ischemia cardiaca e non un attacco di panico, come lei asserisce.
E' ovvio che con il cardiologo dovrà essere sincero perchè la sua anamnesi sarà coperta dal segreto professionale a pena di denuncia nei confronti del medico.

Poi deve trattare l'argomento dipendenza che è compito di uno psichiatra specializzato nel settore.

Di cocaina si può morire per infarto o aritmie maligne. Altro che attacchi di panico.....

Cordialità.