Utente 370XXX
Salve, sono una ragazza di 20 anni.
Il 10 novembre, ho avuto un attacco di panico, con tanto di palpitazioni, tremori, sudorazione e vista offuscata con quasi un imminente mancamento. Tuttavia quel giorni ho pensato al peggio : un infarto. Sono corsa al pronto soccorso dove mi hanno fatto un elettrocardiogramma e avevo il battito accelerato, che andava sui 113/120 e mi hanno detto che era palpitazione da ansia. Il giorno dopo il mio medico mi ha misurato la pressione e tutto ok. Ho praticato 8 anni di danza e non ho mai avuto problemi di cuore, per mia fortuna, né alla tiroide o di pressione o quant'altro, però mi sono allarmata nuovamente quando il medico mi ha detto che sarebbe potuto venirmi un infarto perché il mio,addirittura, bisnonno è morto con un infarto. Così nel panico, mi hanno fatto di nuovo l'elettrocardiogramma al pronto soccorso e il mio cuore stava bene. Purtroppo adesso non faccio altro che chiedermi se possa mai venirmi per una condizione genetica e se bastano i due elettrocardiogrammi a dirmi che sto bene. E se il mio cuore sta bene, perché spesso avverto fitte e dolori al lato sinistro, oppressione del petto, bruciori?
Spero mi rispondiate, grazie mille in anticipo !

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Carissima ragazza ventenne,
mi permetta di farmi una risata insieme a Lei sulla familiarità per infarto miocardico desunta dalla morte del suo BISNONNO!!
Faccia ricerche in famiglia per verificare se qualche trisavolo sia morto improvvisamente magari nel 700!
:-D
Scherzi a parte, la familiarità per morte improvvisa coronarica o da aritmie, si desume dagli ascendenti più vicini nel tempo, madre, padre, nonni... Non dal bisnonno!!

Se le hanno fatto un ECG decente che non evidenzia anomalie della conducibilità elettrica (sindrome del QT lungo, sospetto di sindrome di Brugada, vie di conduzioni accessorie potenzialmente pericolose) e se lo ha letto un medico competente, prenda quella storia del bisnonno come una Napoletanata e ci rida su!
Se l'ansia tuttavia si è insinuata nella sua mente, allora la soluzione è un Holter ECG/24 ore, che le fugherà ogni dubbio.
Cari saluti.
[#2] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio di vero "cuore" per la risposta e soprattutto per il conforto. I due elettrocardiogramma sono stati fatti entrambi al pronto soccorso e il referto è stato letto anche dal mio medico curante che ha misurato la mia pressione che è risultata impeccabile. Il fatto del bisnonno è parso strano anche a me, ma un medico (non il mio, né del pronto soccorso... ma un medico che non conosco di una guardia medica Che non aveva nemmeno un apparecchio per misurare la mia pressione) ha narrato questa barzelletta Che ha allarmato me e mia madre e provocato una grassa risata a coloro a cui l'ho raccontato.
Detto ciò con un gran sorriso sul mio volto, posso stare tranquilla sulla condizione del mio cuore e pensare che i "malanni" che provo saltuariamente siano solo frutto delle mie eccessive ansie?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
SI!
Lei soffre di attacchi di panico: deve curare quelli.
In quanto al Bisnonno: Requiem aeternam.......
:-D
Saluti.
[#4] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille dottore :)
[#5] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera dottore...
Sto avendo paranoie atroci. L'infarto può venire senza una causa? Se vengono a seconda di alcuni fattori, quali possono essere? Quali esami bisogna fare per escludere che possa venire questa patologia?
Saluti.
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
se il suo medico curante è come minimo un incompetente, prenda atto di questa incompetenza.

Perchè dovrebbe venirle l'infarto?
Se non fuma, ha una alimentazione e uno stile di vita sano, quello che deve curare è l'ansia rivolgendosi a uno specialista.

Il suo BISNONNO sarà anche morto improvvisamente:ma potrebbe essere stato un infarto, una emorragia cerebrale, un aneurisma aortico....
Solo un'autopsia avrebbe potuto dare certezze.

Le ho già detto e lo ribadisco che se vuole fugare dubbi sulla attività elettrica del suo cuore, oltre ad un ECG basale letto da un cardiologo esperto, esegua un Holter ECG/24h ed in più un ecocolordoppler cardiaco, PER SUA ESCLUSIVA TRANQUILLITA'.
E curi l'ansia.

Se vuole può farmi sapere.

Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la risposta, questi miei dubbi non sono affatto dovuti dal mio medico curante, dal quale non sto andando da un po'. I dubbi sono venuti a causa di miei coetanei che mi hanno raccontato dell'infarto, a loro detta, senza una ragione, avvenuta a giovani della nostra, della mia età. Il fatto che abbiano cercato di convincermi del fatto che potesse venire così... senza nessun motivo... anche se il cuore sta bene e se si è in salute ecc. Questo mi ha fatto ricredere su tutto quello che so su questa patologia e sulle cause che la fanno nascere, e ovviamente mi sono arrabbiata perchè ho iniziato a pensare che i due ECG fatti da poco fossero inutili.
Saluti.
[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Signora,
l' "arresto cardiaco" colpisce statisticamente 1/1000 abitanti per anno, pari a 50.000 casi/anno in Italia, molti portatori di anomalie della conduzione di cui non erano a conoscenza
Se vi fosse un accurato piano per diffondere le tecniche della rianimazione cardiopolmonare e l'uso dei Defibrillatori semiautomatici nella popolazione "comune" fino al 50% dei colpiti potrebbe essere salvato entro 5 min dalla perdita di conoscenza.
Questo è routine nei Paesi civili, dove i defibrillatori semiautomatici sono posti nei punti "nevralgici" come centri commerciali, metropolitane, luoghi notoriamente affollati ma è impensabile in un paese profondamente incivile come il nostro, dove la gente pensa solo al suo piccolo orticello e dove i vandali distuggerebbero qualunque dispositivo in una notte. Per completezza un DAE costa tra i 100 e i 150 EUR, assai meno di quelli che annualmente vengono distratti dalle casse dello Stato per fini assai più loschi!!

Un Medico,un Cardiologo, il Dott. Cecchini che risponde su questo sito, si sta occupando del problema nella sua città e un 44enne è stato recentemente salvato da morte certa alla stazione di Pisa dalla Polfer "addestrata" dal Collega e in possesso di un DAE donato dalla Onlus che lui ha creato.
http://www.cecchinicuore.org/2015/03/22/non-e-mai-inutile/

Utile ribadire che la sua è una battaglia personale della quale gli enti istituzionalmente preposti si disinteressano completamente e che io condivido pienamente!!

Tornando a lei e alla sua paura della morte improvvisa: andrebbe in giro con un elmetto per evitare che un vaso le cada in testa da una finestra e la stronchi sul colpo?
Io penso di no.
Lo stesso vale per la morte improvvisa.
Perciò se ha voglia di fare gli esami consigliati li faccia pure per tranquillità, ma si tolga la camicia di forza dell'ansia che non le fa vivere anni di giovinezza che non ritorneranno più e che poi rimpiangerà tra 40 anni.

Cari saluti.
[#9] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Dottore, ha detto cose che condivido pienamente con lei. Ha ragione, non posso vivere con la paura, non è giusto. Grazie per tutto quello che ha detto. La stimo veramente tanto e grazie per ogni risposta/conforto.
Cordiali saluti.
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Cari saluti a Lei con l'augurio di tornare a vivere spensieratamente e a far battere veloce il suo cuore per eventi ben più belli! .

Un cinquantenne.
:-)