Utente 240XXX
gentilissimo dottore nell'ultima ecografia fatta mi risulta un lieve rigurgito mitrale le faccio presente che gia l'anno scorso in una visita cardiologica di controllo (sono un soggetto diabetico di tipo Mellito 2 più soffro di ipertensione arteriosa) allora mi ero preoccupato per alcune manifestazioni di tachicardia e pressione alta, -fino a 120 b. e 210 max e min 110 min. nell'ecografia fu riscontrata un lieve rigurgito mitrale ma non ci feci molto caso, questa volta però sentendo l'amico cardiologo parlare di insufficienza mitrale mi sono allarmato, ma lui mi a rassicurato e mi ha detto di non preoccuparmi, vorrei farvi una domanda che al mio cardiologo di fiducia non ho fatto, questo lieve disfunzione della valvola può essere di natura congenita oppure c'è stato qualcosa che ha provocato l'anomalia, può l'ipertensione, lo stress il diabete contribuire a far funzionare male la valvola? oggi mentre facevo la solita passeggiatina pomeridiana si son manifestate due sostenute palpitazione (il cuore è sobbalzato) ho dovuto rinunciare e preso dal panico son tornato a casa, mi era gia successo una settimana prima, Questa patologia (rigurgito) può aggravarsi? Quale è la prevenzione migliore per non avere con l'età che avanza disturbi peggiori?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
io credo che se un Paziente abbia un amico cardiologo che gli esegue un ecocardiogramma e che lo segue per la sua ipertensione arteriosa, debba rivolgersi a lui per avere i giusti ragguagli.
Non perchè io non li voglia fornire, ma perchè non ho i dati per fornirli.
Lei parla di insufficienza mitralica: del referto dell'ecocolordoppler cardiaco non dice altro.
Nè fornisce dati quantitativi sull'entità del rigurgito, sullo stato della valvola, sulle dimensioni delle camere cardiache e sullo spessore di parete e del setto I.V., sulla F.E. e mi fermo per non incorrere in una inutile esibizione di "tecnicismo cardiologico" che le risulterebbe giustamente stucchevole.

In quanto alle aritmie lamentate e considerando la sua situazione dismetabolica, mi pare strano che il collega cardiologo non le abbia consigliato un Holter ECG/24h.
Gliene parli e contemporaneamente esponga i suoi dubbi che mi ha postato.

Io resto a disposizione se avrà la bontà di ricopiare il referto dell'Ecocolodoppler cardiaco, così da poter avere una concreta visibilità virtuale del problema in essere.

Cordialità.