Utente 372XXX
Buongiorno, necessito di un vostro consulto perchè sono in una situazione piuttosto critica. Circa 4 mesi fa, a causa di un diradamento del cuoio capelluto e di un principio di stempiatura, ho deciso di sottopormi ad una visita presso un tricologo di Roma, il quale mi ha assegnato una cura che prevede l'assunzione di 1 pastiglia al giorno di SERENOA REPENS per 3 mesi, e una lozione da applicare a giorni alterni sul cuoio capelluto per circa 5 mesi. Bene, dopo il primo mese che ho iniziato ad assumere la Serenoa, ho notato che il pene non raggiungeva un' erezione soddisfacente, e che il membro si era ritirato di un centimetro circa in lunghezza e circa mezzo centimetro in larghezza. Convinto che fossero paranoie, non mi sono assolutamente posto il problema della Serenoa come possibile causa, e ho continuato ad assumere le pastiglie. Ora a 4 mesi di distanza dall'inizio della cura (che ho interrotto), il pene raggiunge l'erezione solo se stimolato meccanicamente, cioè sono assenti erezioni spontanee e mattutine, si è ridotto anche se non notevolemente in lunghezza e larghezza, è debole, e l' eiaculazione è piuttosto povera. Allarmato per tutto questo, ho cercato di documentarmi su internet, e ho notato che moltissime persone hanno avuto lo stesso problema, ma nonostante ciò, le risposte che ho trovato sono del tutto incomplete e spesso contrastanti, per questo ho deciso di rivolgermi in questa sede, Avrei tre domande gentilmente da porvi;
1) La Sereneoa Repens è la causa di questo mio problema?
2) Se sì, c'è la possibilità di tornare alle condizioni normali dopo che è stata interrotta l'assunzione di tali pastiglie?
3) Se no, come potrei risolvere il problema e quali potrebbero essere le eventuali cause?

Ve ne sarei infinitamente grato se rispondesse a queste domande, vi ringrazio moltissimo anticipatamente, Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

pensare che il suo attuale problema sessuale sia dovuto alla Serenoa Repens è un'ipotesi eziologica molto azzardata; detto questo per conoscere la possibile prognosi e le possibili cause del suo disturbo si legga questi articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

http://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

la serenoa repens è usata da milioni di maschi senza che si possa dimostrare un suo effetto negativo sulla erezione.
qualche volta la consapevolezza di avere un problema medico, accompagnata dalla lettura del "pericolosissimo" web può far nascere paure immotivate che fanno scatenare reazioni ansiose o reazioni adrenergiche che possono modificare la qualità delle erezioni stesse.
Altre volte potrebbero essere presenti patologie vascolari anche in giovane età che possono interferire con i fenomeni erettili.
Nel dubbio, una valutazione andrologica per poter escludere patologie fisiche, organiche mi sembra opportuna. Tutti i maschi dovrebbero effettuare una valutazione andrologica dopo i 18 anni
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come giustamente ribadito dal collega Pozza e come io stesso spesso ripeto da questo sito, vista anche la sua "giovane" età, approfitti di questi "disturbi-malesseri" e non sicurezze , per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 372XXX

Iscritto dal 2015
Vi ringrazio molto per le vostre risposte. Sicuramente provvederò ad effettuare una visita presso un centro specializzato. La mia paura nasceva dal fatto che sebbene gli effetti negativi della serenoa repens non siano forse tutt'ora scientificamente provati, probabilmente potrebbero esserci viste le numerose esperienze che ho avuto modo di conoscere in cui si individuava nella serenoa la possibile causa a questo mio problema. Sicuramente è il caso che conosca il mio andrologo, grazie ancora per la disponibilità.
Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tranquillo, al momento non esistono segnalazioni significative e pesanti in questo senso.

Senta ora comunque il suo andrologo od urologo di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.