Utente 232XXX
Buonasera cari dottori, sono un ragazzo di 28 anni ormai disperato. A venti anni da un momento all'altro ho scoperto di avere una forte disfunzione erettile, con difficoltà ad avere erezioni. Ho erezioni spontanee, ma in queste il pene non è mai al massimo, anche con masturbazione riesco ad avere un'erezione più o meno buona che si interrompe appena smetto l'atto. Tutto ciò mi ha molto frenato con l'alto sesso. sono andato da due andrologi diversi, che sono arrivati alla stessa conclusione: disfunzione dovuta a motivi psicologici. Entrambi si sono limitati ad una visita e a richiedermi esami ormonali, che, puntualmente, sono risultati nella norma. Il primo specialista mi ha operato di fimosi e mi ha fatto fare un ciclo di iniezioni (non mi ricordo la sostanza, si praticava in quegli anni in quanto si riteneva che il principio attivo presente in tali iniezioni avrebbero "guarito" i corpi cavernosi) e ad una mia assenza di risposta alla terapia, mi ha detto che il mio problema era solo ansia da prestazione.
Nessuno dei due ha fatto fare analisi per vedere se avessi patologie del pene.
Ultimamente, cercando sul web una possibile causa della mia disfunzione mi sono ricordato che da adolescente, a volte, durante la masturbazione ho sentito dei piccoli "crac" che non mi hanno dato mai ematomi ne dolore. Prima di rivolgermi ad un altro urologo, che farò quando avrò i soldi, vorrei chiedervi se tali atti possano aver creato i presupposti per la creazione di fibrosi dei corpi cavernosi e, se si, se ciò giustificherebbe l'improvvisa comparsa dei miei problemi erettivi (senza altri sintomi tipici della IPP).
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

purtroppo esistono alcuni colleghi che praticavano (e praticano !!) queste "terapie" iniettive anche senza un conforto diagnostico della necessità o opportunità di tali terapie (sempre fatte a pagamento!)
Che queste iniezioni intracavernose possano aver determinato una alterazione fibrotica del tessuto cavernoso è possibile.
Ne parli con un andrologo "serio" consigliatole dal suo medico o da qualche persona fisica e non da "annunci o pubblicità" spesso ingannevoli
cari saluti