Utente 103XXX
Salve,
sono un giovane di 30 anni.
da circa una settimana mi è stata riscontrata una moderata ipertensione con valori da 140/90 la mattina a 160/95 alle 6 di sera. Diversi medici/farmacie in questa settimana hanno effettuato le misurazioni riscontrando sempre tali valori. Tipicamente alla 2-3 misurazione nel giro di 20 min la max si abbassa di circa 10 mmHg.

Nelle ultime due settimane ho avuto una influenza con febbre max 38 gradi e insorgenza di tosse stizzosa che ancora permane, per cui il medico di famiglia mi ha fatto prendere un antibiotico (cefixima), uno sciroppo (fluifort) e aerosol (prontinal+fluibron). L'influenza dopo le 2 settimane è scomparsa ma persiste uno stato di fastidiosa tosse.
Ho effettuato visita otorino che non ha riscontrato particolari situazioni: mi ha prescritto terapia di reflusso esofageo di cui soffro da un paio di anni (lucen + gastrotuss). Mi ha prescritto un rx torace, che ha evidenziato una discreta accentuazione della trama ilo-basale come da stato bronchitico.
Il reflusso è ritenuto responsabile di alcuni sintomi che mi succedono sporadicamente in fase di addormentamento (durante la perdita dei sensi quando inizia il sonno), ovvero accelerazione del battito cardiaco, senso di oppressione, sangue che ribolle nelle vene e conseguente risveglio immediato del corpo.
Infine nell'ultimo anno diversi urologi hanno riscontrato una latente sclerosi del collo vescicale che a periodi mi procura fastidi alla minzione.
Ho infine effettuato delle analisi del sangue di cui attendo i risultati.

Vorrei chiedervi la pressione alta potrebbe essere causa/effetto della situazione generale, e quali accertamenti/indicazioni seguire nella prossima settimana.

Ho iniziato ad azzerare il sale nella dieta ed aumentato l'assunzione di liquidi per quanto possibile.
grazie




Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se i valori pressori fossero confermati sarebbe opportuno che lei intraprendesse una terapia farmacologica, proprio perché è giovane.
Sicuramente il suo medico le farà eseguire gli esami di funzionalità renale, elettroliti plasmatici, es completo,delle urine, una ecografia renale con doppler delle arterie renali.
Ma nell 85% dei casi non si scopre la causa della ioertensione, anche se sappiamo perfettamente come curarla .
Se riducesse il suo peso corporeo e camminasse almeno un ora al giorno a passo svelto probabilmente i suoi valori tenderebbero a normalizzarsi, ma per il momento comincerei con i farmaci.
Stia ovviamente lontano dal fumo.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dr. Cecchini.
Consiglierò al mio medico curante - ahimè, non nutro alcuna fiducia in lui viste le mie precedenti esperienze - di prescrivermi gli esami che mi ha indicato. Per quanto riguarda il cuore, l'anno scorso al presentarsi dei primi mesi di reflusso avevo eseguito eco e ecg, risultati nella norma.
Non fumo, sono alto 1,83 per circa 80 kg. Dovrei in effetti fare movimento perchè conduco una vita sedentaria.

Ho dimenticato di indicare che da 6 anni a questa parte, a causa di un trapianto di cornea, instillo nell'occhio una goccia di fluorometolone (Flumetol 0.2%) al mattino: dato che dovrebbero essere steroidi, potrebbe l'assorbimento di tale medicinale nel tempo aver influito in qualche modo o rappresentare un pericolo? Il mio oculista ha sempre minimizzato in merito motivandone comunque la necessità a discapito di eventuali - non presenti per lui - effetti collaterali.

Oggi ho avuto dopo mezz'ora seduto un episodio di lieve giramento di testa, con aumento della frequenza cardiaca a 110bpm, senso di ansia/agitazione e mal di testa pulsante nella parte frontale. A ciò è seguito nelle due ore successive un aumentato bisogno di urinare senza aver assunto particolari quantità di liquidi. Non nego che l'ansia in queste settimane possa starmi giocando brutti scherzi, ma al contrario di quanto pensano superficialmente le persone che mi sono intorno, ciò non può essere la causa dei malesseri.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Eper ciò che concerne le gocce non vedo alcun problema.
L ansia può giustificare i valori pressori ed i sintomi da lei riferiti.
Ma al suo cuore non interessa se lei sia ansioso o sia contento....se la pressione si alza lavora di più. E quindi dura di meno, per farsi intendere.
Arrivederci