Utente 373XXX
Gent.li Dottori ,
da un po' più di due mesi ho delle fitte fortissime nel rene sinistro ( e qualche volta anche in quello destro) . Il mio medico mi ha fatto fare un'ecografia pensando che fossero delle coliche , ma niente , tutto pulito. Da quell'ecografia però sono uscite fuori dei dubbi al livello ginecologo e da una visita successiva dal ginecologo , sembra che abbia l'endometriosi ma i ginecologi dicono che quei dolori non c'entrano con questo problema. Ho fatto una TAC con mezzo di contrasto e a parte qualche ciste piccola , nei reni niente problema. Sono state trovate piccole ciste nell'utero , nel fegato , ma molto piccoli , qualche mm. Sono stati notati anche dei linfonodi ingrossati nell'inguine ( non dolorosi) di cui uno di un 2,2 cm. Voglio precisare anche che da due mesi ho spessisimo un po' di febbre , non alta però. Le analisi di sangue e delle urine fatte anche al pronto soccorso sono perfette. Questi dolori nei reni ( come se mi venisse iniettato un acido nei reni) sono sempre più insopportabili e addirittura quando dura da molto ho dolori sul fianco e nella gamba. Siccome ho conosciuto da poco una persona che ha perso un rene per colpa dell'endometriosi e come me dall'ecografia e dalle analisi di sangue (e urine) era tutto ok , volevo sapere quale esame dovrei fare per essere sicura di non avere niente ai reni. Da qualche giorno ho anche problemi di pressione. Di solito è sempre ,molto regolare ( 120/70) , ma in questi giorni è salita anche fino a 160/100.
Spero di essere stata chiara . Grazie in anticipo per la vostra risposta.
E.C

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
in base alla completa negatività degli accertamenti già abbastanza approfonditi che sono stati eseguiti, al fatto ceh i dolori siano presenti talora anche dall'altro lato ed abbiano una irradiazione alla gamba, ci viene da pensare che il problema possa non essere di origine renale, ma si tratti piuttosto di un un problema neurologico/ortopedico legato alla colonna vertebrale. In effetti una visita accudarata dovrebbe già indirizzare con una certa chiarezza la diagnosi in questo senso. Questa situazione non è così rara, si presenta più spesso nelle giovani donne che hanno seri problemi di postura. L'endometriosi ha caratteristiche particolari, con disturbi che si manifestano perlopiù solo in una fase del ciclo. Inoletre quando vi sono delle complicazioni ai reni ed alle alte vie urinarie vi sono delle vistose situazioni (es. dilatazione) che non possono sfuggire agli accertamenti. Questa nostra resta comunque una ipotesi, che non può essere avvalorata perché necessita di una valutazione diretta. La invitiamo comunque a tenerla in considerazione, parlandone con i nostri Colleghi che la stanno seguendo.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno Dr. Piana grazie per la sua risposta. Io proprio perché al momento del ciclo sto molto peggio ho pensato che il dolore potesse esser legato all'endometriosi. Ho visto un ortopedico (dopo aver fatto la tac e delle radiografie) perché anche il mio medico pensava ad un problema di colonna, ma nessun problema da questo lato. Ho visto anche un reumatologo ma ha escluso potesse trattarsi di problemi di artrosi o artrite (ho qualche problema alle mani). I miei primi dolori sono cominciati due mesi fa proprio il primo giorno del ciclo e ldo independemente dei movimenti che posso farde.La persona che conosco che ha perso un rene aveva fatto gli stessi esami miei (ecografia ed esami urine e sangue) ma sembrava tutto a posto. Dopo 6 mesi di controlli vari si sono accorti della situazione. Un ecocolordoppler non potrebbe comunque esse utile per escludere qualcosa ai reni? Due giorni fa ho fatto una colonscopia ma nessun problema per fortuna.
Mi scusi ma faccio tutte queste domande perchè la situazione sta diventando sempre più insopportabile. Ad ogni ciclo peggiora la situazione.. E sento il dolore proprio dentro il rene (almeno così mi sembra come sensazione).

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
nella sua prima richiesta di consulto lei non ci aveva segnalato questa sincronizzazione con il ciclo mestruale, cosa che senz'altro avvalora l'ipotesi dell'endometriosi. E' pur vero che le manifestazioni dolorose, alemno come ce le descrive, non sono affatto tipiche per questo tipo di disturbo. L'ecodoppler non potrebbe aggiungere granché, mentre invece è la risonanza magnetica l'indagine più suggestiva nello studio dell'endometriosi. Si può anche fare il dosaggio sul sangue del marcatore CA-125, se già non è stato fatto. Si può anche instaurare una terapia empirica per bloccare il ciclo. Tutte ipotesi da vagliare avendo il caso completamente sotto controllo, cosa che a distanza non è ovviamente possibile.

Saluti
[#4] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille Dottore,mi scusi se non sono stata più precisa nella nia prima richiesta. Farò al più presto questi esami. Il vostro servizio è stupendo. Grazie ancora.
Buona serata.