Utente 373XXX
Buongiorno,
Distinti dottori, io ho dovuto sostenere una tac ai seni nasali e paranasali per delle verifiche riguardo una sinusite prolungata. Volevo chiedere se potesse essere un problema il fatto di aver dimenticato di avvertire l'addetto di avere uno splintaggio all'arcata inferiore dentale (ovviamente impossibile da rimuovere sul posto come collane metalliche ecc..). Questo particolare potrebbe aver fallato l'esame o potrebbe comportare un qualche problema per la salute mia dato che oggetto metallico sottoposto a raggi x?

Grazie per le risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Aiello
36% attività
12% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Gentile Utente,
se fossero emersi dei problemi relativi ad un possibile disturbo arrecato alle immagini tanto da renderle non diagnostiche sarebbe stato avvertito.
Se il dispositivo è poi fissato all'arcata inferiore in linea di massima non dovrebbe aver dato fastidio, in quanto per lo studio delle cavità paranasali il limite inferiore di acquisizione delle immagini si trova a livello del piano occlusale, ovvero nella zona dove i denti superiori ed inferiori si congiungono a bocca chiusa (è verosimile che il suo dispositivo non sia stato incluso nell'acquisizione TAC).
Non si pone la problematica di un rischio aggiuntivo rispetto a quello ipotetico relativo alla somministrazione di radiazioni (già contemplato nell'esame TC seni paranasali).
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la spiegazione.
Può gentilmente dirmi quanto è l'assorbimento di radiazione per una TAC ai seni paranasali e quanto è statisticamente pericolosa in un paziente giovane? Di mio sapevo che l'esame per il problema citato non è molto invasiva rispetto ad altre (si parla comunque di raggi x di certo non benevoli).

La ringrazio nuovamente.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Aiello
36% attività
12% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Le dosi dipendono da numerosi fattori tra cui il tipo di apparecchiatura adoperata e pertanto di non semplice definizione in questa sede.
Le radiazioni interagiscono con le molecole biologiche e la probabilità di danno radio-indotto non sono calcolabili in maniera semplicistica.
Considerando la necessità clinica di sottoporsi all'esame ai fini di un adeguato trattamento medico-chirurgico il rischio è comunque accettabile.
Stia sereno.
Saluti.