Utente 320XXX
Buonasera,
in seguito ad alcuni esami, prima transcranico e poi transesofageo, mi è stato riscontrato un PFO e mi è stato consigliato di evitare immersioni subacquee.
Ora, dato il lavoro che svolgo, mi è stato chiesto dalla mia azienda di effettuare un corso di sopravvivenza a mare e lo stesso prevede delle prove subacquee con l'utilizzo di una sacca con la quale respirare la propria aria precedentemente immessa con la bocca mantenendo il lato chiuso.
Il mio quesito ora è: è pericoloso effettuare questo tipo di prova a causa del mio PFO.
Vi ringrazio.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta' lei dovrebbe essere sottoposto a chiusura del forme ovale pervio.
Attraverso un vaso dell'inguine si risale fino a dentro il cuore, provvedendo alla chiusura dello stesso.
Le immersioni nel suo caso sono pericolose specie quando "si compensa" cioè si espira a glottide chiusa, perché' si aumenta il rischio di embolie.
Quindi le sconsiglio di fare cose del genere e di rivolgeri ad un centro cardiologico della sua zona per provvedere alla chiusura del PFO
Arrivederci