Utente 373XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 36 anni. A fine novembre 2014 ho avuto una contusione al piede sinistro scendendo dal letto ed è stata trascurata un mese. E' stata fatta la risonanza magnetica a fine dicembre e l'esito dice “Imbibizione edematosa dei tessuti molli caudalmente al tendine flessore del II raggio in corrispondenza dell'articolazione metatarso-falangea.
Edema intraspongioso sub-condrale della testa del II osso metatarsale e della contrapposta base della I falange del II dito medialmente.
Modesto versamento articolare metatarso-falangeo del I raggio.
Il 14 di gennaio 2015 mi è stata poi diagnosticata una trombosi venosa profonda alla gamba alle due vene gemellari (10cm di lunghezza di trombo) + altri 3 trombi. (ora sono in cura con anticoagulanti - coumadin).
Il mio quesito è il seguente: l'ortopedico sospetta ora un algodistrofia al piede perché ogni volta mi alzo dal letto diventa tutto rosso, lo sento gonfio, non piego le dita, non riesco ad appoggiarlo perchè mi fa male alla base sotto del piede vicino alle dita e alla sera è intorpidito con leggero formicolio e sempre tendente al rosso e gongio. Sono costretto ad usare le stampelle da due mesi ormai.
Ho rifatto la risonaza qualche giorno fa e recita solo: discreta presenza di liquido articolare dell'articolazione matatarso falangea del primo raggio.
Volevo per cortesia un'opinione sul mio caso.

Ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Internullo
36% attività
4% attualità
16% socialità
RAGUSA (RG)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
potrebbe essere la tromboflebite che non si è risolta!