Utente 369XXX
Gentile dottore,
Ho avuto un infarto ormai più di un anno e mezzo fa. Mi hanno inserito uno stent medicato e sono in terapia farmacologica con un eccellente decorso dimostrato da più RMN e ed ecg sotto sforzo anche ad elevato carico (l'ultimo fatto due mesi fa) che ha mostrato assenze di aritmie, segni di ischemia, e sintomi di dispnea o angina. Faccio regolarmente attività sportiva senza assolutamente nessun disturbo. Da qualche settimana però avverto delle extrasistole, che posso quantificare in 4/5 all'ora che si manifestano quando sono a riposo mentre quando sono sotto sforzo (ad esempio quando faccio sport o sono occupato con la mente ad altro) risultano assenti o per lo meno molto molto ridotte. So che le extrasistole possono anche essere normali ma volevo sapere in che frequenze cominciano a divenire un segnale d'allarme e/o se possono essere imputate ad ansia, altri disturbi o alle medicine che sto prendendo.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
premettendo che non conoscola sua terapia, l'extrasistolia di per sè può essere legata a fattori assai disparati, primo fra tutti lo stress.

In genere le EXS sopraventricolari sono prive di significato patologico e di pericolosità, specie in un cuore come il suo che è stato studiato e rivoltato come un calzino! :-)
Lo stesso vale per le EXV che se sporadiche, non hanno significato clinico.

Tuttavia vi sono extrasistoli ventricolari con caratteristiche ben note ai cardiologi, che meritano considerazione.

Onde evitare che lei crei un circolo vizioso ansia - EXS - ansia, e per studiare l'attività elettrica cardiaca per 24h, io le consiglio vivamente di applicare un Holter ECG/24h, così da registrare qualsiasi evento si verifichi durante il giorno e la notte.

Se vuole mi faccia pure sapere.
Vive cordialità.
[#2] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Grazie Dottore,
La sua risposta mi é stata chiarissima ed esauriente. Avevo già fissato un appuntamento per un Holter ma dato il mio stato sono particolarmente sensibile ad ogni..."anomalia".
Una volta avuto il risultato glielo comunicheró per un check supplementare.
Grazie.
Cordialmente
[#3] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore,
Comunque vorrei integrare la mia richiesta di consulto specificando che la terapia ch sto seguendo prevede anti aggreganti, carvedilolo e per la pressione. Ho sempre la pressione intorno ai 110/115 70/75 con battiti a riposo intorno anche ai 50/55. Ed é proprio in questi casi che avverto tali exs. É come se, mi passi l'analogia motoristica, non reggessi il minimo....é possibile che il mio sistema si sia adeguatamente compensato che non richiede più tali medicine nelle dosi attuali?
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
passandole "l'analogia motoristica" :-) non posso passarle la deduzione.
:-)
La terapia con antiaggreganti è indispensabile.
Quella con il Carvedilolo altrettanto.
Per la componente alfa litica posseduta, questo beta bloccante, è poco propenso a indurre bradicardia marcata e a riposo una frequenza di 55 bpm, in terapia, è più che accettabile.
Probabilmente lei quando è seduto in poltrona pone più attenzione agli eventi del suo cuore e avverte le EXS che in altri momenti le sfuggono.
A maggior ragione c'è un motivo in più per eseguire un Holter ECG: quello di valutare la morfologia e la natura delle EXS e di monitorare l'attività cardiaca durante la notte quando il tono simpatico è pressocchè soppresso.
Nulla osta che sulla base dell'H. ECG sia necessario adattare il dosaggio del Carvedilolo al suo fabbisogno.

Quando avrà eseguito l'esame mi tenga informato sui risultati.

Simpaticamente,
[#5] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora Dottore per le chiarissime risposte.
La terrò sicuramente aggiornato.
Cordialmente
[#6] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo Dottore,
Come promesso eccomi qui con i risultati dell'holter. Il referto riporta quanto segue:
Durante la registrazione costante ritmo sinusale per l'intera durata della registrazione. La frequenza cardiaca media é stata 64 bpm, la frequenza cardiaca minima e stata 45 bpm durante la notte, e la frequenza cardiaca max è stata 115 bpm nel primo pomeriggio. Alcuni BeV isolati monomorfi (417) e rari besv isolati ( 5). Non pause patologiche. Invariata la fase di conduzione atrio ed intra ventricolare.
QT max 453, QTc max 429, QT avg 379 e QTc avg 389.
Tutti gli ST sono 0.
Che cosa mi dice?
Grazie della cortese attenzione.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
il referto del suo Holter è perfettamente compatibile con la normalità.

I 417 BeV monomorfi rientrano nella fisiologia di un muscolo che batte 100.000 volte in 24 ore.
Gli intervalli medi QT e QTc sono nella norma.
Che tutti gli ST siano zero, significa che il referto lo ha fatto il sofware del computer e non il cardiologo dopo la lettura dell'Holter......

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
grazie tantissime Dottore,
mi sono molto traquillizzato e sembra che anche il disturbo sia diminuito parecchio di intensità. Probabilmente era davvero unicamente dovuto ad un po di apprensione e/o ansia.
Cordialmente
[#9] dopo  
Utente 369XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottore,
Mi rivolgo nuovamente a Lei per una informazione sempre relativa alla mia condizione. Le ricordo che ho subito un infarto ormai circa due anni fa e sono sotto terapia con farmaci anti aggreganti, carvedilolo e per l'ipertensione. Le mie condizioni sono stabili e ottime. Come può vedere dai precedenti consulti, ho fatto anche un holter con risultati ottimi. Pratico regolarmente attività sportiva a livello moderato. Volevo chiederLe se, per compensare gli effetti un po' "sopporiferi" della terapia, si poteva assumere un integratore di arginina o se tale aminoacido é controindicato per i casi come il mio.
GraZie Dottore della gentile disponibilità e attenzione.