Utente 373XXX
Salve,

a seguito di un bruciore testicolare (con particolare fastidio a dx) ho assunto, dietro consulto medico non specialistico, ciproxin 250 2/die per 7gg. Ho inseguito eseguito visita andrologica. L'andrologo mi ha diagnosticato una prostatite e mi ha prescritto ciproxin 1000 per altri 7gg. + topster supposte x 7gg. + forprost x 30gg.
Dopo la scomparsa dei sintomi per qualche giorno, verso la fine della terapia antibiotica si sono ripresentati. Ho eseguito una nuova visita andrologica. Il dottore ha constatato che la prostata era ora a posto (anche se ho avuto qualche disturbo nei giorni seguenti). Mi è stata anche praticata un'ecografia testicolare, che ha evidenziato microlitiasi e ingrossamento dell'epididimo destro. Il dottore mi ha allora prescritto bactrim 2/die per 15gg. + topster al bisogno. Negli ultimissimi giorni della terapia antibiotica ogni fastidio sembrava essere passato quasi del tutto, ma a distanza di circa 5 giorni si è ripresentato il bruciore-fastidio testicolare a dx.
Nell'attesa di un nuovo consulto col mio dottore, vorrei chiedere se tutto ciò sia normale, e se sia possibile che non si sia azzeccato l'antibiotico adatto. A distanza di più di un mese dai primi sintomi, temo che il disturbo possa cronicizzarsi. Vorrei chiedere inoltre se sia opportuno eseguire analisi o indagini diagnostiche e quali.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

potrebbe trattarsi di una resistenza all'antibiotico e quindi è certamente necessario fare delle indagini diagnostiche quali ad esempio l'esame culturale, da eseguirsi almeno dopo una decina di giorni dalla fine dell'ultimo antibiotico fatto, con una spermiocultura e relativo antibiogramma che serve per identificare la molecola più sensibile per distruggere l'eventuale batterio.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore. E nel frattempo, per la cura sintomatica? Il più delle volte il disturbo è fastidioso ma sopportabile. Oggi ho preso una bustina di oki ma non sembra aver fatto effetto, mentre forse più efficace mi sembrava il topster...
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
usi l'antiinfiammatorio/antidolorifico che le da migliori risultati, infatti la risposta è soggettiva e quindi dopo gli esami aggiungerà l'antibiotico indicato dall'ABG.

Ancora cordialità
[#4] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Ve bene, grazie. Un saluto
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prego e se servisse ci faccia sapere.

Saluti
[#6] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Salve, in attesa di andare a visita dal mio andrologo invio i risultati di psa, spermiocoltura, spermiogramma:

PSA: 0,87

Spermiocoltura:
Sviluppo rare colonie di enterococco spp.

Spermiogramma:
Aspetto: acquoso
Fluidificazione: completa
Viscosità: nella norma
Volume: 7,0 ml
Ph: 7,9 *
Concentrazione: 15,0 Mil./ul.
Numero totale spermi: 105,0 milioni
Motilità mov. progressivo: 45%
motilità mov. non progressivo: 5
forme immobili: 50
vitalità: 90%
Morfologia:
forme tipiche 10%
forme atipiche:
testa: 56
collo: 12
coda: 8
Cellule germinali: 1,0 Mi./ul.
Spermioagglutinazioni: assenti
Eritrociti: assenti
Leucociti: assenti

Flora batterica: presente
Corpuscoli prostatici: assenti

Mi sembra non sia indicato un antibiogramma, mi chiedo come mai...
Le sarei grato, dottore, se mi desse un'opinione a riguardo. Sento ancora fastidio o bruciore a volte, anche se alcuni giorni sparisce quasi del tutto.

Vorrei poi porle altre due domande: negli ultimi tempi sento anche come delle piccole pulsazioni istantanee in varie parti dello scroto. Mi causano una certa ansia: potrebbero essere dovute all'infezione?
Inoltre il mio andrologo mi aveva consigliato frequenti eiaculazioni per via della prostatite, ma a seguito di masturbazione ho l'impressione che i sintomi a livello testicolare peggiorino nei giorni seguenti. Qual è la cosa migliore da fare?


Grazie
[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La cosa migliore, come più volte ripetuto è fare spermiocultura con antibiogramma.

Ancora cordialità
[#8] dopo  
Utente 373XXX

Iscritto dal 2015
Era quello che avevo richiesto. Intanto ho chiesto al mio medico che mi ha detto che in pratica Sviluppo rare colonie di enterococco spp. è come se fosse negativo, e per questo non è stato fatto l'antibiogramma...
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
negativo significa assenza di infezioni, rare colonie di enterococco significano che c'è una infezione che conferma la sua storia clinica. Ripeta l'esame in un altro laboratorio e se poi servisse ci faccia sapere.

Ancora cordialità