Utente 373XXX
salve a tutti dottori, gentilissimi chi risponderà seriamente e mi toglierà dubbi e paure e ansie e altre robe :).

allora ho 18 anni ho rapporti da quando ho 15 anni, lo so un po presto pero sono sempre con la attuale ragazza, io da quando ho 15 anni anche prima ance dalle prime erezioni mattutine, ho il pene curvo nessun dolore nessuna fatica nella penetrazione niente di niente, pero il fatto e che e curvo una 15-20 gradi, lo misurato con il goniometro lo messo sotto lo messo al centro e ho calcolato la curvatura da 0 a 15-20 dipende dal erezione, allora pero mi fa strano allora non so come misurarlo, allora con un metro rigido mi misura 15-15,5 pero c e ancora un po la curva quanti non so bene pero lo misurato con quello da sarto e fa 18,

quindi mi devo ritenere un18 cm?

se mi opero quanto mi dovrebbe divettare 15 ho 16 oppure 17

ho letto in un sito per vedere devo prendere la misura delle due curve cioe 18 da destra e 15 da sinistra sommarle e dividerle per 2 risulta 16.5, non mi interesssa di averlo di 20 cm mi pero almeno da 16 a 18

il mio pene e verso sinistra perche lo metto sempre da quella parte da quando sono piccolo mettendolo dalla parte opposta cioe destra puo arrivare a 10 gradi

e cmq se vorrei operarlo per renderlo dritto quanti cm mi tolgono e quale misura devo prendere in considerazione metro dritto o da sarto

tutti coloro che mi risponderanno li ringrazio di cuore davvero molto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazzo,
teoricamente la misura del lato concavo e del alto convesso con centimetro "da sarta" diviso due è la misurazione che approssimativamente ci indica il grado di accorciamento del pene ma c'è da aggiungere secondo il mio punto di vista +/- 2cm.
Questo perché per correggere una curvatura spesso si eseguono in media dalle 2 alle quattro plicature in base anche ad eventuali rotazioni presenti lungo l'asse longitudinale. Il numero di plicature lo si può stabilire solo intraoperatoriamente in quanto man mano che si eseguono si verifica con erezioni artificiali l'avvenuta correzione.
Un concetto da precisare è che la reale indicazione a correggere una curvatura peniena esiste quando sono soddisfatti almeno 3 parametri:

1) Curvatura > 30°
2)Difficoltà alla penetrazione
3)Dolore della partner dovuto alla curvatura
4)Disagio psicologico (utile agire in team: andrologo e psicosessuologo).


[#2] dopo  


dal 2015
Caro dottore, la ringrazio per la risposta vole chiedere se le mando in privato delle foto lei saprebbe dirmi se sembra tanto graIe mille
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Ripeto, l'entità del problema la si rileva solo da un approfondito colloquio clinico oltre che dalla visualizzazione delle immagini.