Utente 366XXX
Buon giorno,
posto il consulto il Farmacologia perché in Neurologia sono "pieni" e al momento non accettano altre richieste e in Anestesia/rianimazione rispondono, ma mai a quello che gli chiedi.
Ad ogni modo: io ho 28 anni, peso 72 Kg e fin da piccolo ho sofferto di insonnia e "nervosi".
Ieri sera ho assunto 250 mg di Luminale (fenobarbital sodico da 100 mg a compressa) e mi sono svegliato ben riposato, ma con una "sviolinata" di vertigini e nausea, terminata ora!
Volevo sapere se è normale che questo medicinale a queste dosi, terapeutiche per dormire, mi abbia causato tutte queste vertigini?
Non so se c'entra, ma è da un mese che ho un forte bruciore ad entrambe le orecchie?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
"Ieri sera ho assunto 250 mg di Luminale"

Chi l'ha indicato per dormire a quella dose ?

[#2] dopo  
366390

dal 2015
Gentile Dr. Pacini, non capisco il senso della sua domanda?!
Vuole dirmi che sarebbe stata sufficiente una dose più bassa?
Comunque visto che lei è interessato a chi mi ha indicato il dosaggio, le riporto il "copia/incolla" del foglietto illustrativo del Luminale: " Nell’insonnia grave da 50 a 200 mg (da 1/2 a 2 compresse) alla sera un’ora prima di coricarsi".
Senza girovagare, se me lo permette, saprebbe darmi una spiegazione al perché di tutte queste vertigini il giorno dopo l'assunzione.
Buona domenica
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

No. Non ha capito. Ho chiesto chi ha fatto questa prescrizione di luminale a Lei dicendole di prendere quel farmaco a quella dose.

---

Al di là di questo, sta semplicemente chiedendo se alcuni comunissimi effetti dei barbiturici sono per caso dovuti ai barbiturici, il problema è che mi pare strana come prescrizione. Non vorrei chiedesse pareri su un uso auto-gestito.
[#4] dopo  
366390

dal 2015
Carissimo Dr. Pacini, mi sta venendo un po' da ridere..
Ovvio che si tratta di un uso auto-gestito, nessun medico prescrive barbiturici per dormire, non siamo mica negli anni ' 50.
Ma, visto che questo è un "forum" medici-pazienti pubblico e accessibile a chiunque non mi sento inappropriato per aver postato un richiesta su un farmaco auto-gestito.
La ringrazio comunque per la risposta: "è un comunissimo effetto.."
Tutto normale quindi se si sono verificate un po' di vertigini.
[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
"Ovvio che si tratta di un uso auto-gestito"

Benissimo, quindi visto che partiamo già male con domande riguardanti effetti che dovevano esserle spiegati, e che non ha neanche letto in questa sua autogestione, le cose non sono assolutamente normali.

Sta assumendo un farmaco pericoloso e non consentito in determinate situazioni, ad esempio alla guida, ponendo rischi a sé e agli altri.

Vada da un medico e si faccia indicare cosa assumere, evitando questi comportamenti privi di senso, visto che non spetta a Lei la scelta e che guarda caso cade su medicinali rischiosi anzichè prodotti da banco.
[#6] dopo  
366390

dal 2015
Gentile dottore, i barbiturici come le Bzd sono pericolosi per chi ci "cade dentro" o per chi vuole uccidersi.
Il rischio di incidenti da traffico non sussiste, aspetto che il farmaco sia completamente metabolizzato/eliminato prima di rimettermi alla guida.
Il fenobarbitale è forte sedativo che se maneggiato con l'adeguata "etichetta" qualche volta può essere usato.
Comunque l'effetto avverso: vertigine! Non è elencato negli effetti indesiderati del luminale; altrimenti non avrei postato questo consulto.

Buona domenica dott.Pacini
(sono stato anche un suo paziente molti anni fa)
[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Evidentemente la sua informazione in merito è sbagliata. Sussiste eccome un rischio di incidenti, il metabolismo del farmaco c'entra fino a un certo punto, e non si capisce esattamente come lei faccia a calcolarlo se non con il tempo e il giudizio soggettivo su quando è pronto per funzionare a dovere. Se fosse così semplice, le persone non farebbero incidenti da ubriachi o sotto l'effetto di sostanze, cosa che invece accade proprio perché questo auto-controllo non funziona, specialmente se l'assunzione avviene per motivi di tipo psichiatrico e non, ad esempio, in caso di epilessia.
Inoltre, poiché è possibile che si facciano esami tossicologici, che a distanza di giorni identificano ancora il farmaco assunto, una persona che ne faccia uso senza prescrizione incorre anche in sanzioni penali, e in contenziosi assicurativi sfavorevoli.

Per quanto riguarda il "caderci dentro", non è cosa che si possa controllare. Ovvio che lei sopravvaluta anche questo aspetto, ma appunto siccome ha deciso che se la sbriga da solo procurandosi medicinali a suo giudizio, le fa comodo pensare di sapere tutto e di controllare tutto. E' un errore banale.

"sviolinata di vertigini" e nausea sono termini che usa Lei, sul foglietto sono riportati effetti con termini tecnici che possono benissimo corrispondere al postumo dell'assunzione di barbiturici.

L'unica questione da evidenziare è che, potendo rivolgersi a un medico, sta invece facendo di testa sua, il che espone Lei e gli altri inutilmente a rischi. Non vi è alcun motivo se non il fatto che probabilmente un medico le prescriverebbe altri prodotti (ci sono diverse classi di medicinali utili per controllare il sonno, che non si limitano ovviamente a farmaci da usare al bisogno) e Lei ha autonomamente optato per questo per sue idee in proposito.