Utente 374XXX
Salve,

vorrei qualche spiegazione su di un fenomeno che, da quando ho ricordi, mi è sempre capitato, seppur non con frequenza.
Si tratta di una sensazione all'altezza del cuore che avverto a volte quando sono disteso a letto, specie quando inspiro lungamente o sbadiglio: una specie di tuffo, come se il cuore "cadesse", per poi tornare tutto normale nel giro di 2-3 secondi. Mi capita sempre una volta sola, poi se anche riprovo ad inspirare a lungo non lo avverto più.
L'altra sera mi è ricapitato, mentre mi voltavo su un lato nel letto, e siccome avevo proprio la mano sul collo, sono riuscito a prendermi le pulsazioni al volo, capendo che effettivamente si tratta del cuore che aumenta il battito all'improvviso. Ho proprio avvertito 4-5 pulsazioni velocissime, poi tutto normale.
Da ciò ho capito che probabilmente è una cosa che può capitarmi anche durante la giornata, ma che magari non avverto, mentre a letto, di sera, è impossibile non farci caso.
Voglio precisare inoltre che ogni ricordo di questo fenomeno si colloca appunto alla sera. Mai una volta che lo abbia sentito di mattina nel letto.
Mi sento anche piuttosto stupido, perché fino ad oggi non mi ero mai fermato a pensare a cosa potesse essere quella sensazione, mentre ora scopro che si tratta del cuore e, sinceramente, la cosa mi spaventa un po'.

Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
Lei descrive quella che sembra una salva di extrasistoli.
Non è da escludere che ne abbia percezione a letto perchè nel silenzio "sente" il suo cuore. Di giorno non le avvertirebbe facilmente impegnato nelle attività quotidiane.
Non è neppure da escludere che Ella soffra di MRGE e che quando dopo cena assume la posizione supina il reflusso, magari determinato da ernia Jatale, scatenino le EXS.

Per valutarle è necessario eseguire un Holter ECG/24 e un cardioecocolordoppler.
O recarsi a visita presso un cardiologo.
Utile anche la valutazione dell'assetto tiroideo.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la risposta Dottore.

Provvederò senz'altro ad una visita presso un cardiologo.