Utente 367XXX
Gentili Dottori..sono una ragazza di 25 anni e da circa un anno sto continuamente male..tutto è iniziato lo scorso febbraio quando in corrispondenza del ciclo mestruale ho accusato il mio primo violento attacco di panico, accompagnato da una settimana di feroce mal di testa..sbandamenti e senso di disorientamento..tutto questo ha portato a diversi esami nell'arco dell'anno, analisi al sangue, urine, risonanze magnetiche all'encefalo,tronco encefalo e lombo sacrale,elettromiografia agli arti superiori,visite neurologiche ed ortopediche..il tutto NEGATIVO! Il neurologo ,visti gli attacchi di panico,ha messo il tutto nel calderone dell'ansia e mi ha prescritto una cura con DROPAXIN GOCCE (10 la mattina) e FRONTAL GOCCE(6 la mattina e 6 il pomeriggio).Alla cura non ho mai risposto in maniera del tutto soddisfacente..nel senso che a momenti di momentaneo benessere associavo momenti di malessere assurdo..ai sintomi sopra descritti si sono aggiunti respiro corto, tachicardia,dolori muscolari diffusi..Facendo caso però a questa alternanza di benessere/malessere però ho notato che il malessere comicia a metá ciclo..ovvero in corrispondenza dell'ovulazione.In quel periodo infatti tutti i sintomi si riacutizzano insieme a dolore e tensione mammaria, pesantezza alle ovaie..e anche sintomi psicologici quali ansia,tristezza,irritabilitá,voglia continua di piangere..vado avanti così fin quando esattamente il giorno prima che comincino le mestruazioni ho violenti attacchi di panico. Il tutto non svanisce fino alla fine del flusso..dopo di che vivo giorni di benessere "momentaneo" fin quando poi non ricomincio a star male nei pressi dell'ovulazione..Ecco questo é quello che mi succede da circa un anno a questa parte..Vorrei chiedere un vostro parere perchè non so veramente cosa fare ancora..potrebbe essere tutto correlato al mio ciclo?? Inoltre vi segnalo che,essendo stata sottoposta a svariate visite mediche,è venuto fuori che ho tutti e 4 gli ottavi del giudizio inclusi in corrispondenza dei nervi mandibolari.infatti a fine mese farò l'estrazione del primo in ospedale. ( a causa di questo imminente intervento sto via via eliminando le gocce datemi dal neurologo..)
Vi chiedo scusa in anticipo per il mio essere prolisso ma ne ho passate veramente di tutti i colori..vi ringrazio per la cordiale risposta!
[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli
44% attività
8% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., comprendo perfettamente il suo calvario, comune purtroppo a molte donne. Si tratta della cosiddetta Sindrome premestruale, legata agli effetti delle fisiologiche oscillazioni ormonali che si verificano fisiologicamente a seconda della fase del ciclo. Ritenzione idrica, tensione mammaria, gonfiore addominale, nervosismo, stipsi, disturbi dell'alvo, insonnia sono comuni a molte donne nei giorni che precedono le mestruazioni. In soggetti predisposti tali disturbi rasentano il parossismo, provocando gravi alterazioni dell'umore e del comportamento. Quali sono i possibili rimedi ? Moltissime sono le opzioni terapeutiche, da valutare insieme al ginecologo di fiducia, perché ogni terapia, per essere efficace, deve essere personalizzata. Si va dai sali di magnesio all'agopuntura, dai farmaci antidepressivi ai diuretici, dall'omeopatia alla fitoterapia ( buoni risultati si ottengono di solito con l'agnocasto ), fino alla pillola contraccettiva. Quest'ultima, sopprimendo l'ovulazione, blocca le modifiche ormonali alla base dell'insorgenza della sindrome e quindi agisce in senso eziopatogenetico, cioè la blocca all'origine, dando di solito risultati ottimi in breve tempo. Non si scoraggi, moltissime donne hanno risolto il suo problema con la terapia adeguata. Cordiali saluti e auguri.
[#2] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
Ma anche gli attacchi di panico?comunque la ringrazio per la disponibilitá datami..è stata gentilissima!!
[#3] dopo  
Dr. Lucia Vecoli
44% attività
8% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., come le ho spiegato in precedenza, la terapia della sindrome premestruale si avvale di numerosi rimedi, che possono essere utilizzati, le preciso, da soli o in abbinamento. Sta al suo ginecologo di riferimento stabilire cosa sia più adatto nel suo caso. Per mia esperienza la pillola contraccettiva è uno dei rimedi più efficaci in questo campo, ma se da sola non funziona occorre talvolta abbinarla a trattamenti psicologici o psichiatrici. Cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio tanto! Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Utente 367XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottoressa..mi sono rivolta al mio ginecologo come da lei consigliato e stiamo attendendo i risultati di alcuni esami..una cosa vorrei chiederle..ma la pillola contraccettiva puó placare i sintomi d'ansia o solo accentuarli?la ringrazio infinitamente
[#6] dopo  
Dr. Lucia Vecoli
44% attività
8% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., dipende. Togliendo il rischio di una gravidanza indesiderata e i sintomi della fase premestruale, molte donne si rilassano e sono più tranquille. Ma siccome l'animo femminile è assai vario , altre al contrario diventano più ansiose, perché assumendo la pillola si sentono private della possibilità di ottenere ( anche se temporaneamente ) una gravidanza. In conclusione la reazione alla pillola dipende dal tipo di donna.