Utente 374XXX
Salve, sono una ragazza di 18 anni che da un mesetto circa soffre di dolori al basso addome a dx... pensavo fosse un doloretto causato dalla palestra, dopo un paio di hiorni mi sono recata dal mio medico di base che dicrva di sentire il cordone dell'appendice sotto il tatto e mi ha dato da prendere l'oki come anti infiammatorio, ma dopo alcuni giorni sono dovuta andare all'ospedale per i forti dolori nella fossa iliaca destra che si prolungavano vicino alle ovaie e mi tirava la gamba.. arrivata in ospedale mi hanno fatto lr analisi del sangue che risulteranno nella norma quindi con i globuli bianchi a posto.. non avevo nè febbre nè vomito ma frequente nausea.. mi hanno visitare dal chirurgo che ha detto che secondo lui non era appendicite poiché i miei dolori non erano costanti ma andavano e venivano. Dopo mi hanno mandato dal ginecolo.. secondo lui poteva essere o un appendice ben nascosta oppure perché in fase ovulatoria.. solo che il ciclo mi è venuto mi è passato e i dolori sono diventati sempre più frequenti e intensi tanto da piegarmi in due.. lunedì ho una ecografia approfondita per capire cosa possa essere questo dolore... vorrei un consiglio da voi e chiedervi che se fosse anche appendicite ma non urgente si può operare? Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
se le indagini eseguite sono tutte negative è difficile ancor di più via web capire di che cosa si tratta. Il consiglio che le posso dare è quello di proseguire le indagini sino alla individuazione della causa. Se la sintomatologia persiste ed anche l'ecografia è negativa sarà necessario ricorrere ad esami radiologici.
Riguardo alla sua domanda non tutte le infiammazioni delle appendici si operano; molte possono semplicemente essere curate con apposita terapia medica.