Utente 374XXX
Mi sono sottoposto il 13 febbraio a un intervento di varicocelectomia. Pochi giorni fa ho anche tolto i punti. Ho seguito anche una terapia con Reparil e Ananase perché mi si era gonfiato il testicolo. Tuttoggi, però, nonostante abbia finito di prendere farmaci, provo dolore e fastidio al testicolo sinistro. E' più grande ancora dell'altro e lo sento anche un po' duro. Ogniqualvolta mi siedo, avverto la pressione della sedia su di esso e un po' di dolore. Non posso camminare svelto che il dolore mi prende.
Cammino molto e negli ultimi giorni mi è capitato di effettuare lunghi tratti a piedi (che, ad ogni modo, prima dell'operazione non mi facevano neanche arrivare alla stanchezza). So che il dolore è normale, ma non posso vivere normalmente con esso. La ferita non mi da nessun tipo di problema: il problema è che ho un testicolo ancora leggermente gonfio, dolorante e non avverto miglioramenti da un giorno all'altro.
La mia domanda è: mi sconsigliate di camminare più del minimo ancora per un po'? Come posso fare a ridurre il dolore al testicolo? Per quanto tempo ancora mi affliggerà?
Infine, una questione appena sorta: stamattina (dopo che ieri ho camminato molto) mi sentivo molto male, con mal di testa e dolori. E' saltato fuori che ho i decimi di febbre, devo preoccuparmi?
Spero di ricevere risposte chiarificanti. Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Dovinola
24% attività
16% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Buonasera immagino si sia sottoposto ad intervento chirurgico tradizionale e quindi non a cielo coperto (radiologico). Dipende dalla tecnica chirurgica che è stata adottata, per affrontare il suo problema, ma, in linea di massima, non è mai buona regola stazionare lungamente in posizione eretta e sollecitare più del dovuto l'apparato locomotore almeno per un mese dopo un intervento per varicocele. Il gonfiore ed il dolore scompariranno lentamente e progressivamente, specie se non si sforzera'. Se non ha dolore pulsante e rossore allo scroto ritengo che la febbre non sia imputabile ai problemi in discussione. Saluti
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dott. Dovinola,
stanotte la febbre è salita quasi a 39. Adesso è scesa di nuovo ai decimi e mi sento molto meglio, anche se rimangono i dolorini. Per quanto riguarda l'operazione mi sono sottoposto all'intervento chirurgico tradizionale. Credo che il dolore che ho provato in questi ultimi due giorni fosse complice del fatto che da un momento all'altro la febbre si sarebbe alzata e della camminata che ho fatto l'altroieri, ma mi dica lei che sicuramente potrà dirmi di più. Devo dire, tuttavia, che il testicolo sinistro mi fa più male che nei giorni scorsi al tatto e lo sento leggermente più duro: devo imputarlo alla febbre e alla camminata? Grazie in anticipo della risposta, le mando i miei saluti.