Utente 374XXX
Buona giornata a tutti,
circa due mesi fa ho iniziato ad avere fastidio al testicolo sinistro, un dolore più o meno costante non troppo forte ma nemmeno da non farci caso.
Ho aspettato un pò di tempo ed il dolore aumentava e diminuiva un pò casualmente.
Un giorno, circa un mese fa, ho provato a palpare i testicoli ed ho notato come una "pallina" vicino al sinistro e mi sono preoccupato. Sono andato al pronto soccorso ed il dottore (urologo) mi ha palpato ma non ha trovato nulla di strano. Mi ha palpato per qualche minuto quindi non penso mi abbia liquidato di fretta. Ha individuato l'epididimo e mi ha chiesto se quando faceva pressione li mi facesse male. Io ho risposto di si e lui mi ha detto che probabilmente era una orchite/epididimite. Mi ha detto che il testicolo era "morbido" e mi ha dato una terapia di Amoxicillina e Acido Clavulanico Zentiva 875mg+125mg (1 compressa ogni 12 ore per 5 giorni) e Topster beclometasone dipropionato (supposte) 1 al giorno per 10 giorni, consigliandomi una ecografia scrotale nel caso i sintomi fossero persistenti. Io dopo pochi giorni ho effettuato questa ecografia e riporto qua il referto:
"testicoli in sede, nella norma per forma, dimensioni, ecostruttura e contorni. Nella norma l'epididimo destro e le borse scrotali. In corrispondenza della testa dell'epididimo sinistro, presenza di cisti anecogena, a contorni regolari, non vascolarizzata al color doppler, del diametro di 15x10mm circa. Non segni di idrocele o varicocele bilateralmente".
Nel frattempo ho finito la cura di antibiotico (preso per 6 giorni visto che nella confezione comunque c'erano 12 compresse e supposte. I sintomi però non sono spariti e se tocco il testicolo sinistro in un certo punto comunque sento un doloretto che non avverto sul destro.
Da considerare che il mio testicolo sx sta più in alto del destro, il dolore che sento si irradia spesso anche all'inguine sx. Come altezza, diciamo, sopra al colon, all'altezza dell'ombelico in pratica (anche se, ovviamente, spostato sulla sinistra). Inoltre mi duole anche il rene sinistro e mi sembra che il dolore al testicolo "corrisponda" proprio al rene. Sento anche dolore ad un muscolo che sta proprio nell'incavo del bacino, a sx, sopra al gluteo sx e si irradia anche alla gamba fino all'esterno del ginocchio. Ho notato anche che, se mi masturbo, all'eiaculazione sento come "pulsare" in corrispondenza del rene sinistro.
Ultima cosa, palpando ancora i testicoli ho sentito nella giornata di ieri come un indurimento proprio alla base del pene, sulla sx. Come se fosse una vena indurita con una "pallina" vicino. Tutto si sposta un pò ma non troppo e se premo non fa male anche se avverto, in posizione eretta, un pò di pesantezza in quel punto. Per capirsi è proprio dove si connette il pene con il pube, nella parte sotto all'asta, alla sx (dal mio punto di vista) dell'uretra, molto vicino al testicolo. Prenoterò una visita da un andrologo ma intanto vorrei sapere cosa ne pensate perché il dolore non passa.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

la visita del medico al pronto soccorso e la ecografia dovrebbe tranquillizzarla, si tratta di una "banale" cisti epididimaria che potrebbe non modificarsi in futuro e che potrebbe non crearle alcun disturbo Una vista periodica annuale, una ecografia ogni anno o qualdo il suo medico la ritenga opportuna, un esame del liquido seminale dovrebbero essere gli accertamenti da effettuare. Non entri però nello stato d'animo di volere valutare "medicalmente" ogni piccola particolarità dei suoi genitali. Si corre il rischio di essere un po' ipocondriaci
Si faccia vedere da un andrologo e lasci a lui il compito di decidere
cari saluti..
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio dottore per la sua risposta. A breve ho un appuntamento con il mio medico di base che poi mi consiglierà anche un buon andrologo/urologo.

Secondo lei quale di queste due figure è più indicata per il mio problema?

Inoltre volevo dirle che sto prendendo una bustina di oki ogni 12 ore ed ogni tanto tengo per una decina di minuti un impacco con del ghiaccio sul testicolo dolente ed il dolore si è alleviato tantissimo tanto che adesso se tocco il testicolo nel punto dove fino a qualche giorno fa sentivo immediatamente dolore adesso non sento quasi nulla.

A questo punto potrebbe essere semplicemente la cisti della testa dell'epididimo che si è infiammata? Ho un pò paura che, una volta smesso di assumere l'oki, tutto ricominci daccapo...

Nell'attesa della visita specialistica, mi può dare qualche consiglio?
Una cisti di dimensioni come la mia (1cm x 1.5cm) è da togliere secondo lei? Oppure ci si convive tranquillamente?

La ringrazio per la sua gentilezza e disponibilità
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una cisti epididimaria in genere non provoca doolore. In genere non crea problemi, in genere non altera i caratteri del liquido seminale
E' evidente che il problema non va affrontato "IN GENERE" ma dopo che sia stato affrontato, valutato e trattato dopo una visita andrologica
cari saluti