Utente 368XXX
salve dottore.ho 20 anni e sono una persona ansiosa.ho fatto 2 ecg durante i quali ero molto agitato e mi hanno riscontrato una tachicardia sinusale dicendomi che il mio cuore è sano.io noto che ad esempio il giorno di un esame universitario mi sento agitato e ho il battito sopra i 100 bpm per molte ore.quindi volevo chiederle se questa prolungata tachicardia sinusale può recare danni.
il mio medico mi ha parlato dei farmaci beta bloccanti però per ora ha ritenuto che non servano anche perchè nei momenti in cui sono molto calmo contando i battiti ne ho circa 60-70 al minuto.cosa mi consiglia di fare?
grazie della risposta e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Deve controllare la sua ansia e se non riesce a farlo da solo sarebbe opportuno rivolgersi a uno psicologo. Sconsiglio personalmente l'uso di betabloccanti.
Saluti cordiali
[#2] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2015
grazie della infatti sto già valutando questa ipotesi.ma una tachicardia sinusale prolungata reca danni?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Dipende cosa intende per prolungata....innanzitutto deve essere costantemente nelle 24 h > 100 bpm in media (quindi anche di notte e questo può dircelo solo un Holter ECG dele 24 h). Poi, anche se così fosse, non è detto che ci siano ripercussioni negative sul cuore (e se questo dovesse verificarsi succederebbe dopo anni di tachicardia costante)...in conclusione solo un'aritmia cronica che fà battere il cuore costantemente svelto nel tempo potrebbe dare problemi e non un ritmo fisiologico come il suo, che ha freuqenze elevate giustificate dalla sua ansia... è quella che deve curare.
Saluti